Monete rare, se avete queste 200 lire allora siete ricchi

Ci sono dei pezzi delle vecchie 200 lire in circolazione da fine anni ’70 ad inizio anni 2000 che valgono un bel pò. Quali sono le monete rare.

 

Monete rare il valore delle 200 lire
Monete rare il valore delle 200 lire Foto dal web

Le monete rare rappresentano alcuni degli oggetti più ricercati dai collezionisti. La numismatica in generale è capace di fornire dei pezzi dal valore a volte anche notevole. Per quanto riguarda l’Italia ci sono alcune monete rare che possono toccare delle quotazioni anche di svariate migliaia di euro.

È il caso di alcune unità di 200 lire. Quelle che hanno come anno di cono il 1977 e che possiedono altri dettagli possono davvero risultare molto preziose. Tutti gli esemplari contemplati hanno avuto come anno ultimo di circolazione il 2001, periodo che vide l’avvento dell’euro.

Ci sono poi degli esemplari commemorativi coniati negli ultimi venti anni circa di circolazione di queste monete rare. Uno dei criteri da prendere in considerazione è dato dallo stato di conservazione. Più sono come nuove e più elevato è il valore. Anche perché oggetti vecchi di decenni è molto difficile che restino in condizioni buone se non migliori.

Monete rare, come riconoscere le 200 lire pregiate

Anche la tiratura fa la differenza. Meno è alta e più conferisce rarità, non solo a monete ma anche a banconote, schede telefoniche, francobolli e così via. Ed ancora, periodo ed anno di conio.

Tutte queste convergenze portate al massimo portano le monete rare ad assumere il cosiddetto stato noto come “fior di conio”.

Si presentano anche situazioni particolari per le quali degli errori fanno si che un pezzo risulti raro. Alla fine, per quanto riguarda le 200 lire, le monete di prova emesse nel 1977 sono le più ricercate e di valore.

Ciascun esemplare è stimato sugli 850 euro. Si dice che ne esistano solo 1500 esemplari. Con qualche difetto considerabile come marginale, il valore si dimezza a 400 euro di media.

Leggi anche: Spesa low cost? Risparmia fino a 2.000 euro all’anno. Scopri come fare

Leggi anche: Quanto costa prendersi cura di un cane? Tutto quello che devi sapere prima di adottarne uno

Occhio a questi dettagli

C’è poi la prima versione effettiva delle 200 lire, sempre del 1977, e che riportano l’effige di una donna che guarda a destra da un lato ed il valore nominale di 200 lire in un ingranaggio dall’altro. Ma la tiratura in questo caso era molto elevata e di conseguenza il valore non lo era altrettanto. Vengono scambiate per soli 50 centesimi.

Leggi anche: Offerta di lavoro per 30 persone, si parte con la street food gallery

Quelle del 1978 sono minori in quantità e salgono a 3 euro a pezzo, in condizioni buone. Ma ci sono delle varianti, date da un errore di conio, che riportano una minuscola mezzaluna appena sotto al collo della donna raffigurata. In questo caso il valore oscilla dai 60 ai 200 euro.

Foto dal web

E poi le tre varianti del 1979, che hanno valori simili. Sono questi i tagli più pregiati, poi dal 1980 in poi le 200 lire non sono granché ricercate e si va al massimo al valore di 7 euro per le monete dell’anno 1984.