Monete rare, la sorpresa dell’euro con la “S”: quanto vale | FOTO

Magari qualcuno tra voi ha in casa delle monete rare, di realizzazione anche recente. Controllate bene in ogni cassetto.

Monete rare tra gli euro
Monete rare tra gli euro Foto dal web

Monete rare, ce ne sono alcune in grado di poterci assicurare una fortuna. E non si tratta necessariamente di pezzi appartenenti ad un passato anche lontano. Pure alcuni esemplari moderni, che hanno meno di venti anni di esistenza, possono rivelarsi una gradita sorpresa per via del valore che viene loro attribuito dagli esperti di numismatica.

È il caso di alcune unità di euro, che variano di Paese in Paese per quanto riguarda gli Stati membri della UE. Come noto, una facciata è comune a tutti quanti mentre l’altra varia a seconda del territorio di appartenenza. E tra le monete rare esistono anche alcuni esemplari di euro commemorativi.

Tra queste una delle più ricercate sono quelle emesse dal Principato di Monaco per omaggiare le figure di Grace Kelly e dell’artista François-Joseph Bosio, vissuto nella seconda metà del Settecento.

Alcuni poi annoverano tra le monete rare un particolare conio proveniente dalla Grecia nella prima decade degli anni 2000 e che riporta impressa su una delle due facce l’immagine di una civetta. Questo rapace notturno riveste da sempre una importanza capitale all’interno di quella che è la tradizione culturale delle elleniche sponde.

Monete rare, la quotazione di questo particolare conio

Foto dal web

Essa è infatti il simbolo per antonomasia della dea Atena e rappresenta la saggezza e lo spirito. Ci sono anche delle monete antiche ritrovate nell’Ellade e che già ai tempi riportavano impresse su di loro la civetta. La facciata dell’euro in questione riporta il volatile e poi la firma della Zecca di Stato greca di Atene, l’Anthemion.

Leggi anche: Le monete con il leone, un tesoro inaspettato e un buon investimento

Poi è riportato in basso l’anno dell’avvenuto conio. Ma c’è una particolarità che rende rara questa moneta, con alcuni esemplari che presentano la lettera “S” all’interno della stessa serie. Essa è impressa nella sesta stella ed è il simbolo della Finlandia. Questo perché le prime monete dell’euro destinate alla Grecia vennero coniate proprio nel Paese scandinavo.

Leggi anche: Monete rare, siete fortunatissimi se possedete questa: quanto vale | FOTO

Leggi anche: Monete da 100 lire, quali sono le più rare: valgono 3mila euro | FOTO

E la “S” sta per “Suomi”, ovvero “Finlandia” proprio nella lingua finnica. In realtà questa moneta da 1 euro non è affatto rara, dal momento che la sua versione ritenuta più preziosa – quella del 2013 – assume al massimo un valore per i collezionisti di appena una quindicina di euro.