Quanto guadagnano le case farmaceutiche? Le cifre dietro i vaccini Covid-19

Diverse case farmaceutiche si sono occupate della produzione di vaccini per il Covid-19. Ma vi siete mai chiesti quanto guadagnano queste case farmaceutiche?

Vaccini per covid-19
Vaccini per covid-19 – Foto da Unsplash

Nell’arco di quest’anno diverse case farmaceutiche si sono mobilitate al fine di produrre un vaccino per il virus Covid-19.

Ad oggi, le principali case farmaceutiche produttrici del vaccino risultano essere Moderna, Pfizer, Johnson & Johnson e AstraZeneca. Per produrre le dosi di vaccino è servito un capitale non indifferente, in parte investito dalle case farmaceutiche stesse e in parte ottenuto da fondi pubblici.

LEGGI ANCHE -> Conto corrente in regime di separazione e comunione dei beni: chiariamo le idee

Ma quanto hanno guadagnato queste case farmaceutiche per la commercializzazione di questi vaccini?

Una società no profit, la People’s Vaccine Alliance ha pubblicato una stima dei guadagni, basata sui risultati pubblicati da queste case farmaceutiche, dove sono state riportate le cifre ben dettagliate dei proventi.

Vaccini Covid-19: quanto guadagnano le maggiori case farmaceutiche?

Vaccino
Vaccino per il covid-19 – Foto da Gettyimages

Secondo l’analisi portata avanti dall’associazione People Vaccine Alliance le cifre incassate dalle case farmaceutiche sarebbero da capogiro.

Pfizer e Moderna, ad esempio, guadagnano 93 milioni di dollari al giorno, ovvero 1000 euro al secondo.

Mentre queste due case farmaceutiche hanno avuto un percorso del tutto in salita, non si può dire lo stesso per AstraZeneca e Johnson & Johnson, che al contrario delle loro colleghe, hanno avuto non pochi problemi nella produzione dei vaccini.

LEGGI ANCHE -> Scadenza della rata pre-Covid: cosa bisogna fare? Attenzione, rimane poco tempo!

A causa di effetti collaterali avvenuti in seguito all’assunzione di questi vaccini, nonostante non ci siano state conferme circa il legame tra i due, le case farmaceutiche in questione hanno subito delle sospensioni in alcuni paesi europei.

Proprio per questo motivo, AstraZeneca e Johnson & Johnson hanno dovuto vendere i loro vaccini a prezzi ridotti rispetto a quelli prodotti dalle altre case.

Si stima che a fine settembre AstraZeneca e Johnson & Johnson avessero distribuito circa 1.5 miliardi di dosi, con un prezzo di circa 4 dollari a dose, contro il prezzo di 19 dollari di Pfizer e dei 30 dollari di Moderna. Appena un terzo del guadagno medio di queste ultime.