Monete rare, che fortuna se avete questi pezzi: valgono migliaia di euro

Ci sono delle monete rare tali da portare nelle vostre tasche un vero e proprio tesoro qualora scopriate di averle in casa, andate a vedere.

Monete rare quali sono le più ricercate
Monete rare quali sono le più ricercate Foto dal web

Monete rare, alcune sono talmente preziose e ricercate da essere valutate decisamente tanto. Pazzesco ma vero, esistono dei pezzi in gradi di sfiorare pure i dodicimila o quindicimila euro presso gli esporti di numismatica.

Ed avere anche uno solo di questi esemplari rappresenta un sogno per i collezionisti. Cos’è che rende queste monete rare così pregiate? Ci sono diversi aspetti a riguardo, come ad esempio la tiratura limitatissima, soprattutto nel caso in cui si stia1 parlando di coni celebrativi e non concepiti per la messa in circolazione.

In quel caso i pezzi disponibili sono sempre molto bassi. Poi ci sono eventuali errori nei processi di fabbricazione, ed anche le condizioni influiscono pesantemente sulla valutazione di una moneta.

Monete rare, le 10 lire che valgono una fortuna

Monete rare cosa fare quando le troviamo
(Foto da Pixabay)

Tra le monete rare più introvabili che ci siano in Italia figurano quelle da 10 lire. Alcune sue varianti, in particolar modo quelle che vennero coniate tra la seconda metà degli anni Trenta ed i primissimi anni Quaranta del Novecento assumono un valore a dir poco esponenziale.

Leggi anche: Collezionare monete, attenti a questi dettagli: guadagnerete una fortuna

In particolar modo avere anche un solo esemplare di queste monete rare vi assicurerà una cifra davvero fantastica:

  • 1936 dal valore di 200 euro;
  • 1937 battute all’asta per 4.392 euro;
  • 1938 aggiudicate per 9.200 euro;
  • 1939 acquisite ad una cifra di 12.980 euro;
  • 1940 assegnate al vincitore per 8.050 euro;
  • 1941 ottenute sborsando 11.210 euro.

I primi esemplari di 10 lire sono quelle definite “Impero”, realizzate in argento 835 e con su l’effige del re Vittorio Emanuele III, dal ’36 al ’43 anche imperatore di Etiopia. Sul rovescio c’è una donna che rappresenta l’Italia, su una nave romana e che reca tra le mani la vittoria alata ed un fascio littorio. Ce ne sono poco più di 618mila esemplari in giro.

Leggi anche: Lire rare, se avete queste vi assicurerete ben 6mila euro

Ma i più preziosi sono quelli che vanno dal 1937 al 1941, che venivano coniate dalla Zecca reale solo su richiesta, in quanto concepite per fini collezionistici.