Multa di 100 euro una tantum agli over 50 che non avranno rispettato l’obbligo vaccinale. L’opinione degli esperti

Il nuovo decreto antiCovid prevede il pagamento di una multa di 100 euro una tantum agli over 50 che non avranno rispettato l’obbligo vaccinale. Cosa ne pensano gli esperti virologi

Vaccino anticovid multa over 50
Vaccino anticovid (Getty Images)

Scatterà una multa una tantum di 100 euro a partire dal prossimo 1° febbraio da parte dell’Agenzia delle Entrate per tutti i cittadini ultra 50enni che non si saranno vaccinati contro il Covid-19. Dal 15 febbraio l’obbligo di esibire il Super Green Pass sarà esteso sul luogo di lavoro. Previste sanzioni dai 600 ai 1.500 euro.

I controlli saranno effettuati attraverso dati incrociati della popolazione residente e dell’anagrafe vaccinale. La misura controversa sicuramente attrarrà polemiche e ricorsi da parte degli esponenti No vax. L’obbligo di immunizzazione scatta dal giorno successivo alla pubblicazione del decreto legge nella Gazzetta Ufficiale, previsto per oggi, per tutti i cittadini italiani o stranieri residenti nel nostro paese con più di 50 anni d’età. Rimarrà in vigore almeno fino al prossimo 15 febbraio. Gli unici casi in cui la vaccinazione può essere evitata è la presenza di condizioni cliniche che la rendono non indicata. A partire dal 1° febbraio i non vaccinati potranno entrare soltanto nelle attività che vendono prodotti considerati di prima necessità: farmacie, supermercati, tabaccai e ferramenta.

Multa di 100 euro una tantum per gli ultra 50enni: cosa pensano gli esperti

Vaccino anticovid
Roberto Burioni (Instagram)

A partire dal 10 gennaio ci sarà un’altra grande stretta attorno ai non vaccinati i quali, senza Super Green pass, non potranno salire sui mezzi pubblici nè andare in ristoranti, bar, alberghi, musei, palestre e piscine. La certificazione di negatività tramite tampone non sarà più sufficiente.

LEGGI ANCHE ->Stipendi, previsti aumenti importanti ma non per tutti. Chi sono i fortunati?

A partire dal 20 gennaio, invece, il green pass base con tampone può essere utilizzato per accedere a barbieri, parrucchieri ed estetisti.

Si accorciano i tempi per ricevere la terza dose che potrà essere inoculata dopo 4 mesi dalla seconda. Dal 1° febbraio il greenpass base sarà necessario anche per entrare in banche, poste e attività commerciali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Canone RAI, cambia tutto di nuovo: le nuove disposizioni

Roberto Burioni, virologo del San Raffaele di Milano, uno dei più grandi sostenitori della campagna vaccinale, si dice contrariato all’idea della multa una tantum da 100 euro imposta dal Governo Draghi agli ultracinquantenni che non avranno aderito all’obbligo. Su Twitter si è espresso con queste parole: “Dare a chi evade l’obbligo vaccinale una multa (100€) una tantum più o meno equivalente a due divieti di sosta (41€x2) rende l’obbligo stesso una grottesca buffonata. Dispiace vederla arrivare da un governo che si credeva serio. Spero di avere capito male”.