Moneta da 2 euro: questa caratteristica la fa valere quanto una casa… – FOTO

Quante volte capitano tra le mani le monete da 2 euro? Esistono degli esemplari con una caratteristica molto evidente che ne alzano incredibilmente il valore: potresti andarci in vacanza o comprare un appartamento… 

moneta due euro gufo
(Pixabay)

I numismatici non si annoiano mai con l’Euro: sono tantissime le caratteristiche che diversificano i vari esemplari. Per gli appassionati, è un vero parcogiochi!
La moneta che analizziamo oggi è una variante dei due euro. Quante volte abbiamo a che fare con i due euro?

Da quando è entrato in vigore, l’Euro ha assistito sempre alla coniazione di monete anche commemorative: a realizzare quella da due euro è stata, per la prima volta, la Repubblica ellenica.

Oggi gli esperti di numismatica e i collezionisti la stanno ricercando sul web. Vediamo per quale elemento si contraddistingue.

Moneta da due euro: se ha questo elemento inconfondibile, è ricercatissima e puoi venderla

moneta due euro gufo
(Pixabay)

C’è un animale raffigurato su una delle facce della moneta greca da 1 euro: un gufo, simbolo sacro di Atene, la dea della saggezza. E’ l’animale che, per eccellenza, rappresenta la cultura ellenica.

Leggi anche -> Una moneta da 50 pence dedicata a Wallace and Gromit. Esiste e il suo valore vi sorprenderà

Vista la nostra vicinanza con la Grecia, sono sicuramente arrivati anche a noi questi esemplari.
Da anni, su Internet, circola la voce di una rara versione di moneta da due euro che vede raffigurato esattamente lo stesso gufo. Il suo significato rimanda, appunto, alle dee più popolari del periodo classico, con riferimento ai concetti di cultura, conoscenza e tenacia.
La sua presenza sulla moneta greca da 1 euro è un omaggio alla versione da 4 dracme che circolava nell’antichità.

Leggi anche -> Moneta da 20 centesimi, attenzione a questa versione: vale una cifra impensabile!

A detta di moltissimi valutatori, le monete con i gufi sono esemplari particolarmente rari, soprattutto nelle versioni che riportano una “S” sulla sesta stella, nella parte inferiore.
La lettera fa riferimento alla parola “Suomi”, che tradotta nella lingua originale significa “finlandese”. Infatti, dopo i primi anni di adozione dell’Euro, la zecca finlandese di Vantaa ha realizzato un gran numero di monete greche per aiutare le officine elleniche ad alleggerirsi dalla consistente mole di lavoro.