Colpo grosso al Gratta e vinci: la gioia de Il Miliardario

Gratta e vinci, con Il Miliardario un uomo è stato baciato dalla fortuna in una tabaccheria che già in passato è stata teatro di vittorie

Gratta e vinci
Foto agenzia delle dogane e dei monopoli)

La tabaccheria Cavallucci al corso Giuseppe Mazzini, nel centro storico di Forlì, si rivela ancora una volta fortunata. Mercoledì 25 maggio con un Miliardario pagato solo 5 euro un uomoper un po’ non dovrà pensare ai problemi dellla vita di tutti i giorni, che siano le bollette che hanno avuto un rincaro o i prezzi del carburante.

La vincita non è di quelle che cambiano la vita ma dà un po’ di ossigeno a fronte di una situazione economica difficile per tutti. Come riporta Forlìtoday, è stato il 37 il numero che ha regalato la vittoria di 10mila euro.

Il giornale riporta le parole del titolare dell’attività. Ha raccontato che il cliente che ha vinto non è un abituale e il biglietto non è stato grattato immediatamente, quando l’ha comprato.

Gratta e vinci e SuperEnalotto: giocate in aumento

Ha raccontato che la buona sorte già in passato ha fatto tappa nella tabaccheria con tre-quattro vincite sempre da 10mila euro, ma non solo. Due anni fa si è gioito anche con il SuperEnalotto: 5 numeri che hanno pagato 21mila euro. Anche con il Lotto c’è stata una bella vittoria anche se datata. Sono infatti passati dieci anni da quando sono stati vinti 60mila euro.

A propostito di SuperEnalotto, questa sera è il palio una cifra record. Il montepremi non è mai stato così alto in tutta la storia del gioco. Se qualcuno dovesse mettere in fila i 6 numeri vincenti si porterà a casa 211 milioni e 700mila euro. Da martedì scorso infatti è stato superato il record che è rimasto in piedi per 13 danni, dal 13 agosto 2009 quando a Lodi furono vinti 209 milioni di euro.

Un’occasione che molti non vogliono farsi sfuggire. Lo stesso titolare della rabaccheria di Forlì ha confermato che le giocate sono in netto aumento. Un segno dei tempi perché milioni di italiani provano a svoltare con il gioco ma è un’arma a doppio taglio. Le percentuali di vincite sono basse e il rischio ludopatia è dietro l’angolo.