Moneta in lire che vale 25mila euro: controlla se ce l’hai

Moneta in lire che potrebbe ancora trovarsi in giro per casa conservata come ricordo: perché comprarla costa tanto

Vecchie lire
Foto Pixabay

Quelle che hanno un valore elevato non sono solo le monete antiche, appartenenti a un’epoca lontanissima da noi. Non c’è bisogno di sperare di trovarne una greca o romana – che ovviamente avrebbero un valore ancora maggiore – ma è sufficiente una di un passato a noi molti vicino.

Già i trentenni di oggi ricordano la lira, figuriamoci i genitori o i nonni. Perché può darsi che loro hanno avuto tra le mani la moneta che oggi può valere ben 25mila euro.

Innazitutto spieghiamo che non tutte le lire hanno questo privilegio. Tre sono gli elementi ai quali badare: innanzitutto l’anno di coniazione, ossia quando è stata realizzata, lo stato di conservazione – che se buono tiene alta la qualità – e se ci sono eventuali errori di conio, che rendono il pezzo più unico che raro.

Moneta in lire, perché uno vale tanti soldi

Aprite quindi vecchie cassapanche o contenitori dove genitori e nonni hanno conservato le monete fuori corso. Se trovate quella da 50 lire del 1954 della serie Incudine Prova, siete fortunati.

Da un lato è incisa la testa mulierbe di donna con la corona di foglie di quercia attorniata dalla scritta Repubblica Italiana. Dall’altro lato c’è un incudine e martello poggiati su un ceppo.

Per dare idea del vero valore, basta raccontare l’episodio avvenuto 22 anni. Era il 2000 quando un legittimo proprietario riuscì a venderla a quasi 25mila euro.

È quella che ha un valore maggiore ma ci sono altre 50 lire che pur non arrivando a 25mila euro, costano un bel po’. Stiamo parlando della 50 Lire Vulcano Prova risalente al 1950 e al 1953. La prima è stata venduta all’asta per 3.450 euro a Fior di Conio e la seconda, sempre Fior di Conio, a 11.800 euro.

Ci sono poi le 50 Lire piccole che forse anche i più giovani ricordano perché sono del 1990 e del 1995. Non erano molto amate proprio per le dimensioni. Averle oggi non cambia la vita, possono valere forse qualche decina di euro, salvo non ci siano errori di conio e sono comunque ricercate dai collezionisti.