Lavoro in Poste Italiane, opportunità per diplomati in varie regioni

Lavoro in Poste Italiane, selezioni aperte nella grande azienda. Non sono richieste partciolari compenze: tutti i dettagli

Lavoro in Poste Italiane
AnsaFoto

Nelle ultime settimane hanno fatto notizia i dati che sono emersi dal lavoro dipendente. Molti giovani, che per tanto tempo hanno sperato di ottenere il famoso posto fisso, hanno lasciato le aziende con le quali avevano un contratto per lanciarsi in imprese proprie.

Molto dipende ovviamente dall’azienda perché in Italia, purtroppo, non sempre diritti previsti dal contratto su orari, ferie, permessi e malattie sono rispettati.

Ma lavorare in grandi aziende statali resta comunque l’ambizione di molti, soprattutto diplomati. Poste Italiane in questo resta un punto di riferimento importante, una meta alla quale molti guardano soprattutto ora che si sono aperte tante opportunità.

Dove l’azienda propone maggiori opportunità di lavoro è per la figura di portalettere. Non sono richieste particolari conoscenze, esperienze ed abilità. Basta avere un diploma di scuola secondaria e la patente di guida B. Varie regioni aprono le porte per aspiranti portalettere, tutte con gli stessi requisiti tranne per la provincia di Bolzano dove è necessario anche il patentino del bilinguismo.

Lavoro in Poste Italiane, a breve la scadenza

Le altre sedi di lavoro disponibili sono in Emilia-Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto. Non è consentito inviare la candidatura per più regioni. Manca poco al termine ultimo quindi bisogna affrettarsi per stabilire dove volere tentare di lavorare. La scadenza per inviare la domanda è infatti fissata al 15 giugno 2022.

Dopo aver inviato la domanda, entro una settimana sullo stesso indirizzo email del mittente giungerà un’email con la convocazione con data e luogo per la partecipazione ai test di selezione sul ragionamento logico.

Chi risulterà che ha superato il test sarà convocato per la seconda selezione. È diviso in due fasi: c’è prima un colloquio poi una prova pratica per verificare se il candidato è abile alla guida del mezzo con il quale, in caso di assunzione, dovrà consegnare la posta.

Se tutte le prove risulteranno superato, Poste Italiane propone un contratto a tempo determinato. La durata varia in base all’esigenza dell’azienda ma si tratta comunque di una grande opportunità perché sono vari gli attuali lavoratori che hanno avuto con l’azienda i primi contratti proprio a scadenza.