Sbaglia il bonifico: la multa “diventa” di ben 35mila euro

Bonifico sbagliato che diventa un vero e proprio salasso per chi l’ha eseguito. Il caso capitato a un Comune italiano

bonifico
Pixabay

Un episodio che racconta ancora una volta che bisogna stare molto attenti quando si effettua un bonifico. Chi tutti i giorni scrive per lavoro o per passione sa bene che l’errore di battitura, il famoso refuso, è sempre dietro l’angolo.

Non a caso fin dalle scuole elementari, quando si scrive con la penna, prima di consegnare un testo ci insegnano che bisogna sempre rileggere.

Ma se il refuso in un certo qual modo è “accettato” perché si è consapevoli che non sempre il controllo riesce a trovare tutti gli errori, in alcun casi può costare molto, nel vero senso della parola.

Bonifico sbagliato, paga tantissimo: il fatto

Se bisogna rileggere un testo appena scritto, figuriamoci quando compiliamo un format che una volta spedito non può essere modificato. È il caso del bonifico e della storia che arriva dal Comune di Arcola, in provincia di La Spezia.

Una multa si è trasformato in un pagamento di ben 35mila euro. Non si tratta di un aggravvio, un inasprimento o di un aumento causa mora ma semplicemente un errore.

Cittadellaspezia.com riporta quanto spiegato dal vice sindaco e Assessore al Bilancio Gianluca Tinfena: era semplicemente una multa do 62 euro che si è trasformata in un salasso.

La contravvenzione è stata elevata al conducente di un Paese straniero per eccesso di velocità. Aveva dunque infranto il Codice della strada ma nel saldare quanto dovuto ha sbagliato a digitare. Nessuna paura però per l’autore del bonifico poiché il Comune ha fatto sapere che provvederà a restituire l’enorme parte non dovuta.

Quando si effettua un bonifico bisogna prestare particolare attenzione all’Iban. Insieme al nome e al cognome e alla causale, è un elemento indispensabile. Digitare il codice alfanumerico in modo sbagliato significa non inviare i soldi a chi li deve ricevere e si va incontro a una serie di problemi.

Dal punto di vista dei controlli fiscali, è invece importantissima la causale. Come dice la parola stessa indica la causa del trasferimento di soldi, il motivo. Soprattutto quando si tratta di cifre grosse, è bene specificare.

Ricordiamo che non c’è una formula ben precisa e basta dire la verità, perché si effettua il bonifico. Che sia anche un regalo di nozze, ad esempio, si può tranquillamente scrivere “regalo matrimonio”.