Bonus Acqua, di cosa si tratta e a quanto ammonta

Con un decreto attuativo di prossima pubblicazione il Governo è in procinto di predisporre una misura battezzata bonus acqua potabile.

Acqua
(Karolina Grabowska – Pixabay)

L’ambiente è uno dei primi punti all’interno dell’Agenda del Governo Draghi. Dopo la misura del Superbonus 110%, il cui obiettivo è quello di efficientare il patrimonio immobiliare italiano, tante altre agevolazioni sono previste per incentivare la popolazione ad essere più green. Stando a quanto dichiarato dal sottosegretario alla Transizione Ecologica, sarebbe pronto il decreto attuativo all’interno del quale è contenuto il cosiddetto bonus acqua. Ma cos’è, a chi spetta e a quanto ammonta?

Bonus acqua, cos’è, a chi spetta e a quanto ammonta: le ultime dal Governo

Euro
(Getty Images)

A breve sarà pubblicato il Decreto attuativo all’interno del quale non soltanto verrà prorogato il Superbonus 110% ma saranno inserite maggiori specifiche su quello che viene definito bonus acqua 2021.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Bonus asilo nido, termini e modalità per presentare la domanda

Si tratta di un incentivo che coprirà, fino nel massimo a mille euro, le spese sostenute dalle famiglie italiane per sostituire la vecchia rubinetteria con congegni di ultima generazione in grado di limitare il flusso dell’acqua. Una misura volta a combattere lo spreco di una risorsa in via di esaurimento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Smart working, chi non potrà più lavorare da remoto: le ultime

Indescrivibile l’entusiasmo di Vannia Gava, viceministro alla Transizione ecologica. Stando a quanto riporta Adnkronos, il sottosegretario ha affermato: “Non solo il governo prorogherà fino al 2023 il Superbonus 110% con una manovra da 25 miliardi come abbiamo sempre chiesto al presidente Draghi: è finalmente pronto il decreto attuativo del bonus idrico”. La Gava ha sottolineato come un incentivo di tal genere sottende uno scopo ben preciso: quello di limitare gli sprechi d’acqua.

È lei stessa a spiegare come il bonus sarà riconosciuto nella misura massima di mille euro, ed andrà a rimborsare tutte le spese sostenute durante l’anno in corso per il rinnovamento della rubinetteria o dei sanitari, purché abbiano quale caratteristica quella di meglio gestire il flusso d’acqua ed azzerare le perdite inutili.

Il bonus, ha chiosato il sottosegretario stando a quanto riferisce AdnKronos, ha precisato come potrà essere richiesto per un solo immobile e che la dotazione finanziaria sarà pari a 20 milioni di euro.