Assegno Unico e Reddito di Cittadinanza: in arrivo una grossa cifra

Assegno Unico e Reddito di Cittadinanza: tra qualche giorno la ricarica che milioni di cittadini stanno aspettando

Assegno unico figlio
Assegno unico figlio (screen sito Inps)

Milioni di cittadini sono in attesa della ricarica del Reddito di Cittadinanza. Negli ultimi due mesi è arrivata con due giorni d’anticipo, il 25, anziché il convenzionale 27 poiché sia a febbraio che a marzo il giorno previsto era domenica. Ad aprile sarà invece di mercoledì quindi tutto tornerà come prima.

Oltre al Reddito di Cittadinanza in tanti aspettano anche l’Assegno Unico e Universale. Ricordiamo che questa misura, una delle più grandi dal punto di vista fiscale in Italia quest’anno, è destinata a chiunque abbia un figlio a carico, dal settimo mese di gravidanza fino a 21 anni. Da maggiorenni, però, ci sono dei casi particolari e possono riceverlo anche se il figlio lavora ma che non superi determianti redditi. L’Assegno viene erogato senza alcun limite di età per chi ha figli invalidi a carico.

Ricordiamo anche che l’importo cambia in base all’Isee ma comunque tutti hanno diritto all’Assegno, anche chi ha un’Indicatore della Situazione Economica Equivalente alto o chi alla domanda non lo allega proprio. In questo ultimo caso spetta il minimo previsto dalla legge, ossia 50 euro.

Assegno Unico in Rdc, come si calcola

Pixabay

Da oggi sono anche previste l’erogazione delle ricariche dell’assegno temporaneo del Reddito di Cittadinanza. Ma come si calcola l’importo dell’Assegno Unico su RdC?

Bisogna partire dalla quota minori del Reddito di Cittadinanza. L’importo mensile va moltiplicato per la Scala di equivalenza relativa ai figli minori, poi si divide il risultato per la scala di equivalenza complessiva.

La Scala di equivalenza per un maggiorenne ha valore 0,4, per un minorenne 0,2. Proviamo a fare dei calcoli prendendo ad esempio una famiglia composta da due genitori e due figli minorenni che ha un assegno di 500 euro al mese.

Si procederà dunque così: 500 x 0,4 (i due figlia a 0,2)/ 1,8 che si ottinene da 1 (numero richiedente RdC) +0,4 per i due maggiorenni e x 0,2 per i due minorenni. Il risultato è 111,11.

Dunque, l’ultimo passaggio per calcolare l’Assegno Unico su RdC. Chi ha un Isee inferiore ai 15 mila euro con due figli spettano 175 euro: dunque, 175 x 2 (350), ai quali dobbiamo sottrarre 111,11, il risultato del’accredito sarà 238,89.