Decreto legge Bollette approvato: bonus, agevolazioni e altre novità

E’ stato confermato il testo inerente al decreto legge Bollette. Il 12 aprile era già stata data la fiducia a questo testo che ha come finalità primaria quella di andare incontro alle famiglie. La crisi post pandemica e le difficoltà sul consumo energetico hanno spinto il Governo a stanziare fondi e bonus.

decreto legge bollette
(Pixabay)

E’ stato approvato al Senato il decreto legge Bollette, con 207 voti favorevoli e 38 contrari. Una buona notizia per tutte quelle famiglia che, dopo la pandemia e con l’attuale crisi energetica, stanno attraversando un periodo poco facile. Ma andiamo a scoprire nel dettaglio cosa prevede il testo.

Decreto legge Bollette: bonus e agevolazioni nel dettaglio

decreto legge bollette
(Pixabay)

All’interno del testo che è stato approvato, troviamo l’azzeramento relativi agli oneri di sistema che gravano sulle bollette dell’energia elettrica.

Prevista anche la riduzione dell’iva sulle bollette del gas nei secondi tre mesi dell’anno (al 5%).

Via libera anche alla conferma del bonus sociale per gas e luce. Per l’erogazione del bonus non è richiesta la presentazione della Dichiarazione necessaria. Ma chi ha diritto a questo bonus? Dopo il decreto Ucraina bis, il tetto massimo consentito per usufruire dell’agevolazione è fissato a 12 mila euro.

Quest’estate, poi, dovremmo dare un po’ più da parte il condizionatore. In particolare, non si potrà scendere sotto i 25 gradi.

Con il decreto bollette, via anche al credito d’imposta sulle bollette delle aziende che producono gas ed energia. Per agevolare le fonti di energia rinnovabile, poi, sono state rese più flessibili le procedure per l’installazione di impianti eolici e fotovoltaici.

Stanziati 800 milioni di euro per sostenere il settore dell’industria automobilistica italiana.

Duecentocinquanta milioni, invece, sono stati erogati per poter comprare farmaci contro il covid.

Il Governo non si è dimenticato neanche delle imprese e ha prorogato fino al 30 giugno le garanzie da parte di Sace, per l’erogazione di liquidità.

Previsto, infine, anche un fondo destinato per lo sviluppo del microchip made in Italy.

Insomma sembra proprio che il Governo abbia voluto dare un sostegno concreto in questo periodo dove la crisi dilaga. Non ci resta attendere per scoprire ulteriori sviluppi e se saranno previste nuove agevolazioni.