Assegno unico e Naspi: importanti novità

Assegno unico: si era parlato di maggiorazioni nelle scorse settimane per alcuni genitori, ora l’Inps fa un’ulteriore specificazione

Asseno unico naspi
Pixabay

Sono milioni gli italiani che stanno facendo la domanda per l’Assegno Unico e Universale, praticamente tutti i genitori che hanno figli a carico fino ai 21 anni. Una vastissima fascia considerando che il bonus – vera e propria rivoluzione in Italia – spetta anche a chi ha un Isee alto (o nella domanda non lo presenta proprio), pur se in questi casi si ottiene il minimo.

È possibile fare richiesta da gennaio e a marzo sono arrivati i primi versamenti. L’Inps con le varie circolari ha fatto sempre ulteriori specificazioni. Uno degli ultimi chiarimenti riguarda i casi in cui entrambi i genitori sono titolari di un reddito da lavoro: la legge prevede una maggiorazione di 30 euro mensili per cianscun figlio minore.

Spetta a chi ha un Isee che sia pari o inferiore ai 15 mila euro. Diminuisce con l’aumentare dell’Isee e fino ad annullarsi al raggiungimento dei 40 mila euro. Superata tale soglia la maggiorazione non spetta.

Assegno unico: perché anche i titolari di Naspi hanno diritto

L’Istituto Nazionale di Previdenza con il messaggio numero 1714 del 20 aprile 2022 ha chiarito altri punti dell’Assegno Unico. Otre a quanto detto finora, l’importo aggiuntivo spetta anche ai titolari di Naspi o Dis-Coll. Il diritto alla maggiorazione spetta anche ai genitori lavoratori agricoli autonomi.

Poniamo maggiore attenzione alle maggiorazione per i genitori lavoratori che, come detto, è pari a 30 euro al mese se l’Isee non supera i 15 mila euro annui, fino ai 40 mila.

Per ottenere il riconoscimento delle maggiorazioni, è necessario che i genitori abbiano redditi da lavoro dipendente o assimilati, redditi da pensione, da lavoro autonomo o d’impresa.

Siccome anche la disoccupazione rientra tra i redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente, è nella casistica per le maggiorazioni: i beneficiari perà devono risultare percettore delle prestazioni Naspi o Dis-Coll quando si presenta la domanda o per un periodo prevalante dell’anno in corso.

Per quanto riguarda i lavoratori autonomi agricoli, l’Inps cita l’articolo 32 del TUIR secondo il quale il reddito agrario è costituito dalla parte del reddito medio ordinario dei terreni, imputabile al capitale di esercizio ma anche al lavoro di organizzazione impiegati nell’esercizio di attività agricole sul terreno.