Lavoro in Siae, aperte le selezioni: scadenza e requisiti

Lavoro in Siae, la Società Italiani degli Autori ed Editori cerca aspiranti mandatri in tutta in Italia: come fare per candidarsi

Lavoro Siae
Foto Ansa

Lavorare con la Siae, al via la selezione. È possibile presentare la domanda per diventare mandatario della società che tutela il diritto d’autore. L’avviso è stato pubblicato a marzo ma c’è ancora tempo per presentare la domanda. Gli incarichi sono aperti per coprire le circoscrizioni di varie province in italiane, dalla Lombardia alla Calabria, dalla Campania, dalla Puglia all’Abruzzo, poi Toscana, Sardegna, Sicilia, Lazio, Piemonte, Trentino Alto-Adige, Friuli Venezia Giulia e Veneto.

Al punto numero 2 dell’avviso viene specificato che il mandatario è un lavoratore autonomo titolare di Partita Iva che ha un rapporto di esclusività con la Siae. In caso di sottoscrizione del contratto ci sarà un rapporto fiduciario nel territorio assegnato. Il lavoro sarà svolto in piena autonomia di mezzi ed organizzativa.

Viene anche spiegato qual è il lavoro che deve svolgere precisamente: si deve occupare dell’attività di sportello e deve provvedere agli incassi per diritto d’autore e svolgere attività di di vigilanza e controllo nei settori dello spettacolo e dell’intrattenimento.

Lavoro in Siae, fino a quando si può presentare la domanda

La candidatura si può presentare esclusivamente in modo teelematico collegandosi al sito della Siae. Bisogna registrarsi scegliendo la modalità Utilizzatore-Privato. Dopo aver ricevuto le credenziali si potrà accedre nell’area Lavoro
& Stage – come mandatari da inserire il Curriculum Vitae. Nell’area Candidature si possono selezionare assimo due aree di circoscrizione. Tutto ciò si potrà fare entro le ore 12:00 del 28 aprile 2022.

È importante ricordare che una volta inviate le candidature non si potranno più modificare. Per quanto riguarda i requisiti, oltre a essere cittadino italiano o di un paese dell’Unione Europea, bisogna essere maggiorenni, avere il diploma di scuola superiore secondaria e la patente di guida di tipo B. Se dovessero essere presentate più di 550 ci sarà una preselezione per titoli di studio con punteggio in base ai diplomi o alle lauree conseguite.

Dopo la valutazione dei titoli ci sarà la prova scritta sulle materie di elementi di diritto d’autore, elementi dell’organizzazione e funzionamento di Siaa (quindi Statuto e Regolamenti), elementi di diritto tributario, elementi di cultura generale, test psico-attitudinali e conoscenza del pacchetto Office.