Detrazione spese scolastiche e universitarie: come fare

Detrazione spese scolastiche e universitarie sul Modello 730: le istruzioni da seguire e i costi che si possono ammortizzare

detrazione spese scolastiche
Pixabay

Detrazione spese d’istruzione, anche quest’anno sul modello 730 per la Dichiarazione dei Redditi è possibile inserire il rimborso Irpef per i soldi spese dall’asilo all’università. Un elemento importante perché milioni di famiglie che fanno sacrifici per far studiare i propri figlia possono allegerire il carico fiscale.

Parliamo di un limite massimo di 800 euro per ogni studente a carico. Ovviamente si ha diritto alle detrazioni solo se le spese sono tracciabili e dunque effettuato con moneta elettronica perché bisogna dimostrare che il pagamento è avvenuto.

Dal 23 maggio sarà possibili vedere il Modello 730 precompilato che l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione sul proprio sito. Vediamo quindi quali spese si possono detrarre.

Detrazione spese scolastiche e universitarie: quali sono

I costi sostenuti per le università statali e non, anche se sono anni fuori corso, quelli per i corsi di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria, le tasse di immatricolazione e per i test d’ingresso.

I limiti della detrazione sono stabiliti in base all’area geografica e disciplinare del corso di studio così come stabilito dal Ministero dell’Università e della Ricerca con il decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 7 febbraio 2022.

Per medicina, ad esempio, la detrazione è di 3.900 euro per le università statali del Nord, 3.100 euro per quelle del Centro e 2.900 euro per il Sud. Per l’area umanostica-sociale è di 3.200 euro per il settentrione, 2.800 euro e 2.500 per le altre zone del paese.

La parte del Modello 730/2022 che riguarda le detrazioni universitarie pubbliche e private sono irighi che vanno da E8 a E10, utilizzando il codice 13.

Per quanto riguarda la scuola, come detto il tetto massimo è di 800 euro come prevede la legge negli ultimi tre anni (il massimale era stato innalzato dalla Legge di Bilancio 2020).

Riguarda la frequentazione della scuola dell’infanzia, le ementari, le medie e le superiori. Ma quali spese? Le tasse, i contributi obbligatori, la mensa scolastica e le gite.

I righi del 730 sono sempre da E8 a E10 ma il codice è il 12. Ricordiamo che per poter usufruire delle detrazioni è dunque fondamentale conservare tutte le ricevute e che dimostrano l’avvenuto pagamento.