Reddito di Cittadinanza, quante famiglie lo hanno percepito e quanto ha speso lo Stato

Reddito di cittadinanza: nel mese di aprile il sussidio sarebbe stato percepito da 1,19 milioni di famiglie. Il rapporto dell’Osservatorio dell’Inps.

Reddito di cittadinanza famiglie aprile dati Inps
(Alessandro Di Marco – Ansa)

Il reddito di cittadinanza è stato il caposaldo della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle. Un sussidio da erogare ai cittadini in difficoltà, privi di lavoro, che avrebbe dovuto aiutarli nelle more della ricerca di un impiego e che sarebbe dovuto servire anche per un reinserimento nel tessuto produttivo. Un baluardo del programma pentastellato che come più volte ribadito dal suo attuale leader, Giuseppe Conte, si colloca tra quelle misure definibili di “civiltà”.

Numerose, però, sin da subito sono state le critiche per come il sussidio era legalmente strutturato, così come le indebite percezioni. Ma questo è un altro discorso. Sta di fatto che nel solo mese di aprile 2022 sono state ben 1,19 milioni le famiglie ad averlo percepito.

Reddito di Cittadinanza, ad aprile percepito da ben 1,19 milioni di famiglie

Reddito di cittadinanza famiglie aprile dati Inps
(Ansa)

L’Inps attraverso il suo Osservatorio sul Reddito di cittadinanza, stando a quanto si legge sul sito dell’Istituto, ha rilevato come nel mese di aprile ben 1,19 milioni di famiglie sarebbero state destinatarie del sussidio (1,09 milioni RdC e 103mila Pensioni di Cittadinanza). Un numero molto elevato che si sarebbe tradotto in una spesa di 668 milioni di euro, con una media di erogazione pari a 561 euro.

A livello territoriale, la stragrande maggioranza di percettori si colloca nel Mezzogiorno, comprese le Isole Maggiori, con ben 783.924 nuclei e 1.851.446 persone. Nelle regioni del Sud la media dell’assegno è stata di 590,61.

Il totale delle famiglie che hanno percepito l’Rdc, come detto 1,19 milioni, erano composte da una sola persona. Dato che si traduce nel 43,85%. Composto, invece, da almeno 5 componenti solo il 7,44% ossia poco meno di 90mila nuclei.

Questi numeri si regolano ai criteri di erogazione che si basano sulla scala di equivalenza e sul calcolo del reddito che determina il riconoscimento del sussidio. In particolare lo stato di bisogno e di contrasto alla povertà che spesso colpisce famiglie numerose.

Tornando agli importi, si legge nel report dell’Osservatorio, quello medio con nucleo composto da un solo soggetto è stato di 457,79 euro mentre per quelli con numero pari a cinque di 740,91 euro e quelli con più di sei a 730,60 euro.