Non solo bonus 200 euro: come avere altri soldi dall’Agenzia delle Entrate

Bonus 200 euro ma non solo: alcuni contribuenti possono far coincidere più pagamenti a loro favore in poco tempo

bonus 200 euro
Pixabay

Ultimo mese con stipendio “normale”, poi a luglio si cambia, anche se solo per una volta. Lavoratori e pensionati che hanno un reddito massimo di 35mila euro, infatti, beneficeranno del bonus una tantum di 200 euro.

Contemporaneamente in queste settimane si stanno anche effettuando le dichiarazioni dei redditi. C’è tempo fino al 30 settembre, ma in un caso è meglio farla subito.

Innazitutto chiariamo che in generale è sempre consigliato farla il prima possibile, per due motivi. Il primo, per evitare di ridursi all’ultimo con i Caf oberati di lavoro, secondo, perché nel caso dovessero esserci dei rimborsi da parte d’Agenzia delle Entrate, arriveranno non troppo tardi.

Proprio il secondo punto è il motivo specifico per cui è meglio fare la dichiarazione a stretto giro e la questione si intereccia con il bonus 200 euro.

Bonus 200 euro e rimborsi dall’Agenzia delle Entrate, come fare per avere i soldi a poco tempo di distanza

Vediamo chi da subito può avere sia il bonus 200 euro che i rimborsi dall’Agenzia. Se si riuscirà a ottenere entrambe le cose contemporaneamente non sarebbe male sopratuttto in vista delle vacanze estive quando milioni di italiani, due anni dopo le restrizioni Covid, potranno tornare a viaggiare, nonostante i rincari previsti.

Dallo scorso 23 l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione sul proprio sito il modello precompitalo 730/2022 per la dichiarazione. Si tratta di fare un po’ una corsa contro il tempo ma chi riesce a inviare la dichiarazione entro il 31 maggio, può sperare che i gli eventuali rimborsi possano coincidere con il bonus.

A tal proposito, a luglio toccherà ai dipendenti e ai pensionati, anche se per i primi non basta solo il requisito del reddito ma c’è da valutare anche quello della contribuzione. Cliccando qui è possibile approfondire l’argomento e controllare, con le prima quattro buste paga dell’anno, se si ha diritto al bonus.

La misura è inserita nel Decreto aiuti approvato dal Consiglio dei Ministri il 2 maggio scorso. Il bonus sono previsti anche per gli autonomi e i liberi professionisti, ma ancora non si conoscono le modalità per ottenere il bonus né i tempi. Per le due categorie, infatti, bisogna ancora istituire il fondo e solo dopo si saprà come e quando sarà erogato l’aiuto.