Bonus Psicologo, non è tutto oro quello che luccica

Il bonus psicologo è un sostegno messo a disposizione dal Governo in favore di tutti coloro che hanno subito delle ripercussioni psicologiche a causa della pandemia. È davvero così?

Bonus Psicologo analisi Codacons
(Khunatorn – Adobe Stock)

Il bonus psicologo è una misura disposta dal Governo che dovrebbe servire a fornire supporto a tutti coloro i quali – a causa della pandemia da Covid– hanno subito un danno psicologico e necessitano sostegno.

A confermare la sua approvazione il Ministro della Salute Roberto Speranza il quale ha annunciato la sottoscrizione del Decreto. Eppure tale misura, per quanto nobile con ogni probabilità non sarà universale, ossia fruibili da tutti coloro i quali ne hanno bisogno. Ad affermarlo il Codacons.

Bonus psicologo, la denuncia del Codacons: misura “spot”

Bonus Psicologo analisi Codacons
Il ministro della Salute, Roberto Speranza (Maurizio Brambatti – Ansa)

Il Bonus psicologo è una misura “spot” così ha bollato il Codacons – riporta Imgpress– il sussidio che il Governo avrebbe riconosciuto a coloro i quali hanno avuto delle ripercussioni psicologiche a causa della pandemia.

L’attacco dell’associazione giunge all’esito delle dichiarazioni del Ministro Speranza a mezzo delle quali è stata annunciata la sottoscrizione del Decreto. Ma perché il Codacons è giunto a tali conclusioni? Le criticità sarebbero diverse. In primis pare che il plafond messo a disposizione – dieci milioni di euro– non sarebbe sufficiente. La somma stanziata, infatti, sarà suddivisa in voucher che i cittadini potranno spendere in attività di assistenza.

In secondo luogo, il limite dell’Isee fissato in 50mila euro è eccessivamente alto e questo potrebbe ampliare troppo la lista dei beneficiari, includendovi anche coloro che ben potrebbero – in autonomia- affrontare questi costi.

A conti fatti – plafond e potenziali richiedenti- sarebbero, quindi, solo 16mila le persone a poter chiedere il Bonus lasciando esclusa un’importante parte di popolazione che a causa del Covid, purtroppo oggi è affetta da forme di disagi mentali.

Il Codacons ha poi chiosato affermando che, a seguito di tale erogazione, gli psicologi con ogni probabilità effettueranno dei rincari di non poco conto sulle loro tariffe. Uno schema tipico, già verificatosi in occasione di altri sussidi (si pensi al Superbonus 110% che ha dato vita ad un rincaro esorbitante del costo delle materie prime).

In sintesi, quindi, per l’associazione tale sostegno non raggiungerà lo scopo per cui è nato. Purtroppo non riuscirà a raggiungere tutti coloro i quali hanno realmente bisogno di un supporto per uscire da una fase difficile.