Domanda Assegno unico, come vedere a che punto e quando i pagamenti

Domanda Assegno unico: il modo veloce per verificare lo stato e conoscere se ci sono problemi con i versamenti che si attendono

Domanda Assegno unico
Foto social

Chi ha fatto la domanda per l’Assegno unico e universale –  la grande novità fiscale del 2022 – nei primi due mesi dell’anno, a giugno riceverà il versamento per la quarta volta. A marzo, infatti, sono partiti i primi accrediti. Chi fa domanda questo mese, entro il 30 giugno, avrà diritto anche agli arretrati da marzo.

È infatti una data importate perché chi poi presenterà istanza dal 1 luglio, percepirà l’aiuto solo a partire da quel mese. L’Inps ha pubblicato una nota e ha spiegato che sono oltre 8 milioni i figli per i quali è stata fatta la domanda, coinvolgendo 5 milioni di famiglie. Ma non mancano i casi di mancati pagamenti e da marzo intere famiglie sono ancora in attesa, tanto da protestare davanti alla sede dell’Inps.

Domanda Assegno unico, si può controllare in pochi secondi

Prima di vedere come fare per controllare a che punto è la propria istanza, ricordamo come si fa per presentarla. Ci sono tre diversi modi: attraverso il sito dell’Inps, con il Contact center al numero 803 164 da rete fissa (gratis) oppure allo 06 164 164 (da cellulare a pagamento) o rivolgendosi a un Caf, Centro Assistenza Fiscale.

Dopo che la domanda è stata inoltrate (farlo via web non è complicato), ognuno dopo un po’ di tempo si chiederà a che punto è la pratica.

Bisogna contollare attraverso il sito dell’Inps, entrando nell’area riservato con lo Spid o la Cie (Carta d’Identità Elettronica) o Cns (Carta Nazionale dei Servizi). Dopo aver effettuato l’accesso basta cliccare sulla voce Consulta e gestisci le domande presentate. La procedura è la stessa nel caso in cui si volesse modificare la domanda.

Può risultare che la domanda sia Sospesa quando un membro del nucleo familiare risulta già beneficiario del Reddito di Cittadinanza, ma nessun panico. Probabilmente la domanda sarà respinta perché l’Assegno arriverà con la ricarica del Reddito.

Se invece risulta che la domanda è In istruttoria o In evidenza alla sede, significa che l’Inps sta facendo le sue verifiche. Infine, In evidenza al cittadino, significa che il richiedente deve fornire ulteriori documenti.

Per controllare invece a che punto è lo stato non della domanda ma dei pagamenti, dopo l’ingresso nel sito allo stesso modo (con Spid o altre modalità), dalla propria area riservata, bisogna andare nella sezione Prestazioni e cliccare su Pagamenti e 2022 come anno di riferimento.