Bonus Spesa: tetto fino a 1400 euro, a chi spetta l’agevolazione

Il Bonus Spesa in alcuni casi è diventato un indispensabile aiuto per le famiglie tanto che può arrivare a queste cifre

Bonus Spesa
AnsaFoto

L’aumento dei prezzi è ormai diventato insopportabile per milioni di italiani. I cittadini che hanno un reddito medio-basso stanno facendo davvero fatica ad arrivare a fine mese. Per questa ragione, tra i vari bonus confermati, sono stati creati anche dei nuovi.

L’ultimo è il cosiddetto bonus 200 euro, inseriro nel Decreto aiuti. A luglio, infatti, lavoratori dipendenti e pensionati che non guadagnano oltre 35mila euro riceveranno l’agevolazione.

Soldi certamente utili ma per molte famiglie forse non bastano. In alcuni Comuni, infatti, c’è ancora la possibilità di richiedere i buoni spesa. Parliamo della misura finanziata dallo Stato  – con il Decreto Ristori e rifinanziati col decreto Sostegni bis – ma gestita dai Comuni.

Nato nei primi e drammatici mesi della pandemia nella primavera 2020, gli importi del bonus in alcuni casi possono arrivare anche a 1.400 euro a famiglia. Il governo per il 2021 aveva stanziato 500 milioni di euro per il 2021 ma i fondi sono ancora a disposizione. Tra i decreti attuativi e la suddivisione dei fondi ai Comuni, i tempi sono stati un po’ lunghi in certi casi e dunque sono ancora a disposizione.

Una quota del fondo è stata assegnata in base alla popolazione residente in ogni Comune, un’altra in base alla differenza del valore del reddito pro capite, paragonando alla media nazionale e ponderata per la rispettiva popolazione.

Bonus Spesa, importi in base all’Isee

Sono dunque i Comuni ad occuparsi della gestione dei fondi e stabiliscono chi e come si può fare richiesta che solitamente è in base all’attestazione Isee. Non tutte le città hanno le stesse risorse a disposizione, dipende dal numero degli abitanti e da altri fattori come il reddito pro capite.

Le linee generali però sono le stesse grossomodo. Anche se può fare richiesta il nucleo famigliare di una sola persona, si dà priorità alle famiglie numerose con figli minori a carico e invalidi.

Il bonus era stato prorogato a dicembre scorsi e molti lo avevano definito impropriamente bonus Natale. Per quanto riguarda le cifre, si va da un minimo di 100 euro a un massimo di 600-700. Ma nel caso delle famiglie numerose, a certe ocndizioni, si può arrivare a 1.400 euro.

Per presentare le domande bisogna controllare il sito del proprio Comune di residenza oppure chiedere informazioni all’Ufficio Servizi Sociali.