Come rinfrescare casa senza condizionatore: i trucchi per risparmiare

Come rinfrescare casa senza condizionatore: può sembrare impossibile con queste temperature ma alcuni modi esistono e funzionano

Pixabay

Alla luce dei rincari delle bollette energetiche, probabilmente anche chi aveva deciso di installare un condizionatore d’aria per questa estate avrà cambiato idea.

I costi della bolletta lievitano ma prima ancora bisogna comprare lìapparecchi e pagare il tecnico per installarlo. Insomma, la spesa c’è e non tutti possono permettersela.

Ma il caldo non dà tregua; chi ha scelto di non metterlo in camera, è condannato a patire l’afa? Non proprio. Certamente c’è bisogno di resistere un po’ di più, mangiare più sano e cibi meno calorici, bere molta acqua e fare tutte quelle cose che consigliano gli esperti. Ma questi sono suggerimenti che riguardano strettamente la persona. Per stare freschi si può fare anche altro per la casa.

Come rinfrescare casa senza condizionatore, i consigli

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Il gesto che sembra più naturale è quello di aprire la finestra, ma non sempre conviene. Dipende dalla luce e dall’ora del giorno. Se entra il sore direttamente e dunque una grande fonte di calore, è meglio chiuderla la finestra. Inizialmente si avrà l’impressioni di mancanza d’aria ma dopo un po’ il corpo si abitua e la stanza sarà più fresca. Anche se non batte il sole è meglio verificare se entra calore.

Quando possibile bisogna cercare di chiudere tapparelle e persiane. Se abbiamo bisogno di luce per lavorare o studiare, cerchiamo di far entrare il minimo indispensabile per non accendere la luce elettrica (che è comunque fonte di calore). Più ombra c’è, meno caldo farà. Anche se la temperatura si abbassa di mezzo grado, senza condizionatore né ventilatore è un grande risultato che porta freschezza ed è a zero costi.

Questo è ciò che possiamo fare di giorno. Di notte possiamo spalancare persiane e tende ma attenzione, siccome l’estate il sole sorge prima, bisogna controllare bene se le primissime luci entrano in camera. Quindi è importante regolarsi con l’apertura delle tapparelle prima di andare letto.

Un accorgimento che va bene sia di giorno che è di notte è spegnere i dispositivi elettrici e staccare ad esempio i caricabbatteria delle prese elettriche. Anche se il consumo è minimo e il calore prodotto quasi zero, quando le temperature sono alte con altrettante umidità, è meglio eliminare anche la più piccola fonte di calore.