Risparmiare il 20% dello stipendio: c’è un metodo sicuro

Risparmiare il 20% dello stipendio: può sembrare impossibile visti i tempi ma con accortezza l’obiettivo è realizzabile: come fare

Pixabay

Tutto vogliamo risparmiare soldi, ma la vita diventa sempre più cara e non è per nulla facile mettere qualcosa da parte. Però è vero anche che molti non sanno come fare. Il risparmio non si improvvisa, non dobbiamo aspettare che capiti un piccolo guadagno in più da mettere nel salvadanaio.

Dobbiamo pianificare, qualsiasi sia l’obiettivo del risparmio: comprare un giorno una casa (obiettivo a lungo termine) fare la vacanza la prossima estate o comprare una macchina nuova. Risparmiare dà anche sicurezza, sappiamo che abbiamo un gruzzolo conservato in caso di qualsiasi evenienza.

Ovviamente prima si comincia a risparmiare, meglio è. Se ci si affida a un istituto, quando si riscatterà il fondo messo da parte con gli interessi questi saranno più alti. Se invece sarà un semplice risparmio fatto in casa, il vantaggio sarà appunto il tempo poiché riusciremo ad accumulare più soldi.

Risparmiare il 20% dello stipendio, il segreto è la pianificazione

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Ognuno conosce la propria tasca, quindi il risparmio non può essere uguali per tutti ma non termini economici (ossia quanto riusciamo a conservare) ma nel metodo. Innazitutto è importante capire perché risparmiamo, se c’è un obiettivo preciso (gli esempio di cui sopra, la vacanza o la macchiana) o semplicemente perché sappiamo che è importante avere dei soldi che mai spendiamo e che la somma raggiunta deve solo crescere e mai diminuire.

Bisogna trovare mezz’ora nella vita frenetica che abbiamo e studiare bene il piano risparmio. Innanzitutto, si parte dal budget mensile, qual è lo stipendio e da lì cominciare a sottrarre. Si tolgono prima le spese fisse (il fitto, il mutuo, una stima delle bollette, la benzina, l’abbonamento ai trasporti), poi le spese che si possono calcolare con meno precisione. Quel che resta, anche se poco, va nel fondo risparmio.

Riuscire a mettere da parte il 20% di quello che guadagnamo è quasi un quarto, quindi una cifra considerevole considerando l’inflazione di oggi. Dopo aver fatto tutti questi calcoli non si arrivare al 20%? Nessun problema, l’obiettivo sarà proprio quello. Magari si raggiungerà non subito, ma è fondamentale riuscire ad essere costanti e conservare mensilmente.

Se ad esempio il mese successivo nel salvadanaio andrà meno rispetto al precedente, non bisogna demoralizzarsi ma guardare il bicchiere mezzo pieno e pensare che anche questo mese il rismarmio c’è stato. E se addirittura non dovesse esserci proprio? Allo stesso modo, bisogna pensare che il traguardo nel mese prossimo sarà conservare e che poco è meglio di niente.