Taxi abusivi: il business denunciato da Jimmy Ghione

L’ennesimo caso di abusivismo è stato denunciato dall’inviato di Striscia la notizia Jimmy Ghione, stavolta si tratta di taxi abusivi.

Taxi abusivi croceristi Civitavecchia Jimmy Ghione Striscia la notizia
(Screenshot video)

I furbetti che cercano di arrabattarsi in attività non del tutto lecite sono tantissimi e, nelle zone turistiche, ciò avviene ancora più spesso. Pensiamo soltanto ai parcheggiatori nei luoghi di mare, che intascano ogni giorno centinaia di euro abusivamente. Un altro esempio è il servizio di taxi abusivi che è stato da poco denunciato dall’inviato di Striscia la notizia Jimmy Ghione.

Il fatto è stato scoperto a Civitavecchia, in particolare al porto dove attraccano tutte le grandi navi da crociera. In quel contesto, dunque, si è sviluppata una vera e propria rete di taxi abusivi: cioè di un servizio taxi offerto ai croceristi in maniera non del tutto trasparente. Nella maggior parte dei casi, infatti, alcuni conducenti di mini van vanno a caccia di turisti, pur offrendo un servizio che si chiama NCC (noleggio con conducente). Ma qual è l’inghippo?

NCC non significa servizio taxi, ma a Civitavecchia fanno orecchie da mercanti

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Il servizio di noleggio con conducente, secondo la norma, presuppone soltanto una prenotazione da parte del cliente. Ciò significa che i tassisti, in realtà, non potrebbero adescare clienti offrendo servizio taxi. Inoltre, guardando le registrazioni del servizio di Jimmy Ghione si può notare come i prezzi del servizio vengano pompati: si parla addirittura di 50 euro a persona su pulmini da 8 posti, per un trasferimento da Civitavecchia a Roma Termini.

Ma non finisce qui, poiché tra i prezzi c’è enorme variazione: si va da 150 euro fissi indipendentemente dal numero di passeggeri a bordo a 100 euro. Fino a cifre astronomiche come 100 euro a persona. I furgoncini, in attesa dei clienti adescati, si trovano nelle vie limitrofe al porto, per poi partire alla volta delle destinazioni designate.

Come spesso accade a Jimmy Ghione, i protagonisti del suo servizio non sono stati felici di diventare il focus di questa inchiesta. Hanno dunque cercato di svicolare e sviare dalle domande del giornalista.