Comunicazione INPS a tutti gli italiani: non fate questo errore

Nell’era del digitale il numero di truffe online aumenta vertiginosamente, tanto che l’INPS ha inviato una comunicazione ai propri utenti.

Comunicazione INPS truffe online tentativi phishing
(Canva – bonificobancario.it)

Siamo in un’epoca di cambiamenti rapidi e avanzamento tecnologico velocissimo. Con l’aggiungersi dei nuovi mezzi tecnologici e virtuali, però, giungono oneri e onori. Aumentano ad esempio i casi e i tentativi di truffe online, anche definiti col termine phishing. Per phishing si fa esattamente riferimento a mail o messaggi virtuali che hanno lo scopo di truffare degli utenti. Solitamente al fine di estorcere denaro o informazioni sensibili.

I dati della polizia postale riguardanti le truffe online sono preoccupanti: negli ultimi anni sono aumentati vertiginosamente. Tanto che anche un ente come l’INPS ha deciso di condividere con i propri utenti una comunicazione riguardante proprio un tentativo di phishing che sta girando su internet in questo periodo. Molto spesso i truffatori si appropriano del logo di un ente o di un brand conosciuto al fine di attirare più utenti e convincerli della legittimità della comunicazione in esame.

Comunicazione INPS: la mail che sta girando su internet è una truffa per rubarvi i dati

Inutile dire che stavolta è toccato a INPS, che con una comunicazione ci ha tenuto a specificare che si tratta di un messaggio non reale. Prendendo in prestito il nome di INPS, infatti, questa email avvisa la vittima di una richiesta non andata a buon fine a causa di una documentazione incompleta. Visionabile per intero scaricando un allegato presente nella mail. Questo allegato, però, contiene un virus che copierà tutti i dati presenti nella memoria del computer, per poi sfruttarli per vari scopi.

Ma a questo punto una domanda sorge spontanea: come riconoscere una mail reale da una truffaldina? Innanzitutto si può far caso alla grammatica del testo. Molto spesso le email illegittime conterranno errori lessicali o linguistici, a differenza delle comunicazioni ufficiali. In secondo luogo si può controllare il dominio dell’indirizzo email del mittente: quando vi troviamo diciture strane o sospette, molto probabilmente si tratterà di un tentativo di truffa.

LEGGI ANCHE -> Truffa Investimenti: l’allarme della Polizia Postale

LEGGI ANCHE -> L’email da Equitalia che prosciuga il conto e fa scattare l’allarme

Infine bisogna tenere presente che in nessun caso si dovranno condividere informazioni sensibili tramite email o cliccare link non verificabili: enti come l’INPS, infatti, prevedono un accesso sicuro e verificato ai loro siti ufficiali, ad esempio tramite Spid o CIE. E non tramite il ricordo a mail sgrammaticate.