Neo mamme e lavoro: il 77% delle donne è penalizzato

Diventare mamma oggi è difficile, specialmente se si tratta di lavoratrici. I numeri sono impressionanti: il 77% di donne è penalizzato.

donne incinte e lavoro
Le donne sono penalizzate dalla gravidanza: il dato è allarmante (Foto da Pixabay)

I numeri apparsi nel rapporto dell’Ispettorato del lavoro parlano chiaro: sono le giovani madri ad aver dovuto rinunciare al lavoro di più rispetto ai papà. Un fenomeno allarmante che fa del nostro Paese il fanalino di coda dell’Unione Europea.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Casa, spese ed altri rimedi. Quanto costa la gestione del nido d’amore?

Future mamme costrette a lasciare il lavoro: i dati dell’Ispettorato

Computer
(Gerd Altmann – Pixabay)

Con l’arrivo di un bambino o di una bambina la vita cambia, è inevitabile. Quella di avere un figlio è la gioia più grande che una persona possa provare. Eppure, in Italia sono sempre meno i giovani che intendono procreare.

Nel Belpaese, si sa, a decidere di avere un bambino sono sempre in meno. L’Italia è infatti uno dei Paesi più vecchi del mondo. Quello del calo demografico è un fenomeno ormai consolidato ma molto grave che richiede uno sforzo urgente delle istituzioni affinché si torni a procreare.

Basti pensare che secondo l’Istat nel 2021 i nuovi nati scenderanno sotto la soglia dei 400mila. Nel 2020, il terribile anno segnato dalla pandemia, si è arrivati a quota 404mila. Quest’anno però il bilancio potrebbe essere ancora più drammatico.

È un trend in atto da tempo – dichiara Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istat – ma questo ulteriore calo possiamo dire che è effetto della seconda ondata della pandemia di ottobre-novembre dello scorso anno. Il sistema politico e quello economico devono muoversi per tempo, altrimenti la prospettiva per l’Italia non è solo l’invecchiamento generale della popolazione, di cui si parla tantissimo ma alla fine sembra che non sia un vera emergenza, ma anche un serio rischio per la nostra economia“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Consumatori nel mirino. Cambiano gli acquisti on-line

Tutto questo perché quando si decide di avere un bambino in Italia a essere a rischio è molto spesso il lavoro. Specialmente per le neo-mamme che nel 77% dei casi sono costrette a dimettersi. La motivazione è sempre la stessa: la difficoltà di conciliare il lavoro con la vita familiare.