Truffa del pacco, attenti se ricevete questo messaggio | FOTO

Resta sempre molto diffusa la cosiddetta truffa del pacco, che avviene al momento della ricezione di un preciso messaggio. In che modo ci si può difendere e cosa bisogna fare per restare al sicuro.

Attenti alla truffa del pacco
Attenti alla truffa del pacco Foto dal web

Truffa del pacco, questo odioso tentativo da parte dei malintenzionati di sottrarci dei soldi non accenna a sparire. Il tutto consta di un messaggio di testo che ci arriva da parte di sconosciuti sui nostri telefoni cellulari.

Ma gli ignoti malintenzionati intendono farsi spacciare per qualche sito di e-commerce che magari possiamo avere frequentato di recente. Del resto la maggior parte di noi, ai giorni d’oggi, è solito compiere anche con frequenza settimanale delle transizioni per acquisti online.

Cosa che dà adito per l’appunto al verificarsi della tanto temuta truffa del pacco. Il linguaggio di testo di questo sms non presenta sbavature e fa riferimento in maniera chiara ed esplicita ad un pacco in pendenza, che attende di essere ritirato.

Due o tre righe in cui viene spiegato tutto, poi la truffa del pacco passa all’attacco con un link e con tanto di invito al malcapitato di turno a cliccarvi su, “per ottenere le dovute istruzioni”.

Truffa del pacco, cosa fare per non caderci

Foto dal web

Invece proprio questa è una cosa da non fare assolutamente. Si aprirà una pagina nella quale ci viene richiesto di inserire i nostri dati sensibili. Cosa decisamente strana se dall’altra parte c’è qualcuno che ci avverte di una nostra spedizione ferma.

Leggi anche: Truffe online, insegnante perde tutto: la banca deve rimborsarlo

Vuol dire comunque che è già a conoscenza di determinate informazioni sul nostro conto. Per cui, per quale motivo chiederci i dati personali, carta di credito inclusa? Perciò pensate già a questo quando sentite la puzza di una potenziale truffa.

Leggi anche: Truffa Amazon, colpiti migliaia di utenti: come difendersi

Leggi anche: Bollette in aumento, la stangata è arrivata: quanto pagheremo in più

La cosa migliore da fare è ignorare questo messaggio e cancellarlo, fermo restando che potete anche rivolgervi alla Polizia Postale per cercare di individuare il mittente.