Smart working, rimborso luce e gas per chi ha lavorato da casa: le ultime

I dipendenti della PA che hanno prestato servizio in smart working, potrebbero ricevere un rimborso per le bollette di luce e gas: la proposta.

Bollette
(contrastwerkstatt – Adobe Stock)

Lavorare da casa ha i suoi vantaggi, ma per i dipendenti anche i suoi costi. Con lo smart working, infatti, il dipendente sostiene le spese delle proprie utenze. Per tale ragione sarebbe stata avanzata una proposta – riguardante i lavoratori della Pubblica Amministrazione– che vorrebbe riconoscere il rimborso di luce e gas per il periodo in cui è stato svolto il cosiddetto lavoro agile. Tuttavia si parlerebbe non di un’attribuzione a tappeto, bensì di applicare un criterio qualitativo in forza del quale la refusione delle spese spetterebbe solo ai più produttivi.

Smart Working, la proposta di rimborso per le bollette di luce e gas per i dipendenti della PA

Smart Working
(picjumbo_com – Pixabay)

Qualora la proposta venisse accolta, i dipendenti della Pubblica Amministrazione che hanno operato in smart working potrebbero ricevere un rimborso per le utenze di luce e gas nel loro periodo di lavoro agile. Un’ipotesi con i contorni ancora da chiarire, ma che con ogni probabilità sarà caratterizzata da un requisito specifico: la qualità del servizio prestato.

Stando a quanto riporta la redazione di Money.it, l’Aran avrebbe spinto per l’introduzione di questo incentivo così da compensare la mancanza di trattamenti accessori. In sostanza servirebbe a tamponare le spese sostenute dai dipendenti della PA durante il periodo di lavoro da casa. Si tratterebbe, però, di somme esigue. Il plafond messo a disposizione non raggiungerebbe considerevoli cifre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pace fiscale, tutto fermo per un intoppo burocratico: cosa sta accadendo

Tuttavia non si tratterebbe di un beneficio rivolto a tutti, ma riservato solo a chi abbia meritevolmente portato avanti i propri compiti. Per effettuare tale valutazione e stabilire i criteri potrebbero essere utilizzati i Piao (Piani integrati di attività e organizzazione) i quali dovranno essere predisposti entro la fine dell’anno.

Come riportato in premessa, attualmente viaggia tutto in una zona grigia a causa del braccio di ferro con i sindacati, i quali ritengono che il criterio qualitativo possa divenire discriminatorio nei confronti dei lavoratori. Questo meccanismo, infatti, potrebbe penalizzare i meno proficui e chi opera in una limitata fascia oraria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Consultazione fatture elettroniche: arriva la proroga dell’Agenzia dell’Entrate

L’idea dell’Aran sarebbe nata da un nobile intento: quello di incentivare i dipendenti in smart working ad operare nel migliore dei modi ed offrire un ottimo servizio. Tuttavia è innegabile che potrebbe creare delle disparità di trattamento.