Aumento della benzina, stangata enorme: “Costa già più di 2 euro al litro”

Purtroppo è già conclamato come sia avvenuto un notevole aumento della benzina, con i rincari che appaiono esagerati in alcune circostanze.

Aumento della benzina
Aumento della benzina Foto dal web

Aumento della benzina, la cosa è ormai evidente già da un certo tempo ed ora già in alcune parti è possibile assistere al patatrac dello sfondamento della soglia dei 2 euro al litro. Si rischia di tornare alla fine del 2014, quando il prezzo di 1,5 euro al litro di media sembrava un miraggio, pur essendo a sua volta elevato.

Ed ora il Codacons ha fatto sapere che, in occasione del ponte festivo di inizio novembre, da più partì si è visto un aumento della benzina certificato dall’innalzamento a prezzi esorbitanti da parte di più gestori.

I rincari si fanno sentire in maniera pesante sulle tasche degli italiani, già provati dai rincari che hanno riguardato le bollette del gas e dell’erogazione elettrica. Tanto per fare un paragone, il Codacons sottolinea che un anno fa effettuare il pieno di gasolio o di benzina verde costava in media venti euro in meno rispetto a fare la stessa cosa adesso.

Aumento della benzina, il Codacons denuncia: “Situazione ingestibile”

Ora l’aumento della benzina è stimato in 430 euro di spesa ulteriore all’anno. E la situazione non si prefigura per niente rosea nelle prossime settimane. Anche la fine del 2021 dovrebbe confermare questo trend negativo, con esborsi significativi alle pompe da nord a sud in tutta Italia.

Leggi anche: Bonus Facciate: come averlo, quali spese copre e quando scade

Questo lascia temere ad un crollo dei consumi per quella che sarà la sempre più vicina stagione natalizia. Le ripercussioni sono più che possibili ed il rischio in tal senso è concreto. Difatti occorre considerare che la crisi economica sorta nel 2020 non è ancora svanita.

Leggi anche: Spesa, quali sono gli errori più comuni da non commettere

Leggi anche: Fotovoltaico, quanto conviene veramente? Cosa comporta l’installazione

A causa degli effetti avuti dalla pandemia sul lato economico e sociale, in tanti versano ancora in situazioni di evidente difficoltà. Ed i rincari vari annunciati in diversi settori – anche in quello alimentare – non contribuiranno a migliorare le cose.