Bonus Taxi, paghiamo solo metà della corsa: come ottenerlo

Si tratta di una comodissima agevolazione pensata per favorire la vita di tutti e per rilanciare la categoria: come avere il Bonus Taxi.

Bonus Taxi come ottenerlo
Bonus Taxi come ottenerlo Foto dal web

Bonus Taxi, un provvedimento che faciliterà gli spostamenti con questa tipologia di trasporto. Il Governo ha previsto una serie di agevolazioni per aiutare la categoria, dopo il duro colpo inferto alla stessa dalla pandemia nel 2020.

La cosa non ha permesso a tutti di riprendersi del tutto, per cui si rende utile l’introduzione del Bonus Taxi. A questo scopo ci sono 20 milioni di euro appositamente stanziati e che serviranno per facilitare gli spostamenti.

Ad oggi resta in vigore fino a tutto il 2021, ma è praticamente certa una proroga fino a probabilmente almeno la prima metà del 2022, o comunque fino a tutta la durata dello stato di emergenza, che pure dovrebbe essere rinnovato da gennaio a giugno prossimi.

Con il Bonus Taxi sono inclusi degli sconti del 50% per la singola corsa con costo di 40 euro. Per una spesa di viaggio maggiore verranno scalati 20 euro. Per una spesa minore di 40 euro verrà invece detratta la metà.

Bonus Taxi, cosa c’è da sapere

Foto dal web

È possibile avanzare una sola richiesta a persona; questo bonus si propone di favorire prima di tutto gli spostamenti di disabili non autosufficienti, malati che devono avere cure ed assistenza continua, individui fisicamente impediti e con mobilità ridotta.

Leggi anche: Dal Cashback al Bonus bancomat. Cos’è e come ottenerlo

Ma rientrano nel target da aiutare anche coloro che hanno almeno 65 anni di età, le donne in gravidanza o chi è indigente. Il pagamento però deve avvenire solamente tramite carta di credito, bancomat o simili, non verranno accettati contanti.

Leggi anche: Aliquota Irpef, le modifiche che faranno felici tutti

Leggi anche: Legge 104, ci sono anche altri rimborsi: occhio alla copertura Irpef

Per avanzare la domanda di fruizione del Bonus Taxi si può agire solamente online e rivolgersi al proprio Comune di residenza. Si otterrà un codice QR che andrà mostrato al conducente.