Caro bollette, quali sono le città dove si spende di più

Ci sono città in Italia dove il costo delle bollette è maggiore rispetto ad altre: la classifica dei comuni del nostro Paese più cari.

Bollette
(mrmohock – Adobe Stock)

Dal 1° ottobre gli italiani hanno iniziato a patire l’aumento dei prezzi dell’energia. Le bollette hanno, infatti, subito l’effetto di quello è stato il rincaro dei costi delle materie prime. Eppure non in tutte le città il costo delle utenze è standard. Vi sono alcuni Comuni ove si spende molto più rispetto ad altri. La redazione di Money.it ha stilato una classifica dalla quale è emerso come vi siano centri in cui i cittadini sono più onerati.

Caro bollette, la classifica delle città dove si spende di più per le utenze

Bollette
(contrastwerkstatt – Adobe Stock)

In Italia il caro bollette non avrebbe colpito tutte le città allo stesso modo. Stando ad una classifica stilata dal sito Money.it vi sarebbe comuni in cui l’aumento delle bollette sarebbe stato più oneroso che in altre. In cima alla lista Verona che avrebbe registrato un aumento del 37,5% rispetto allo scorso ottobre. Segue subito Bologna dove, l’incremento sarebbe stato del +36,4%. Forlì e Cesena non si distaccano di molto essendo stato registrato un +34,5%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dal Cashback al Bonus bancomat. Cos’è e come ottenerlo

Bolzano si piazza al quinto posto mentre Avellino al sesto: rispettivamente con un rincaro del +33,9% e del 33,5%. Trento molto vicina al Comune campano, con un aumento del +32,2% a cui segue Lodi con un incremento del 31,8%. Lodi, Pordenone e Varese in fondo alla classifica che si chiude con Vicenza ed Udine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> 2 centesimi che valgono migliaia di euro, dove trovarli

Sarebbe Cagliari, invece, la città dove si è registrato il minor rincaro. Rispetto ad ottobre 2020, infatti, l’aumento sarebbe stato solo del 18,5% che a ben vedere i vertici della classifica sarebbe un risultato di tutto rispetto. Seguono poi un’altra città Sarda, ossia Sassari, e Catania.

Se questo è il quadro bollette, anche quello relativo ai trasporti navali non sarebbe da trascurare. Con l’aumento dei prezzi del carburante, infatti, il rincaro sarebbe stato evidente, lievitando a +8,7% rispetto allo scorso anno.

Questi aumenti si traducono in un’accentuazione delle spese per famiglia di 300€ considerato l’esponenziale aumento del greggio che grava sul rifornimento dei mezzi privati. Grosseto, sul punto, avrebbe conquistato il record in negativo attestandosi come la città con il maggior rincaro d’Italia. Seguono, riporta Money.it, Gorizia, Trieste, Udine, Potenza, Ascoli Piceno e Cosenza. Fanalino di coda – e questa volta con un’accezione tutta positiva- Alessandria.