Smart working, cosa sta succedendo nel mondo del lavoro post pandemia

Dall’ufficio allo smart working: quanto è cambiato il modo di lavorare post pandemia? Ecco gli ultimi aggiornamenti

Smart working
(StartupStockPhotos – Pixabay)

La pandemia ha cambiato completamente la vita di ognuno di noi, sia per quanto riguarda il tempo libero che il lavoro. A tal proposito sono in tanti a doversi misurare ogni giorno con il famoso Smart working. Ma questa è la soluzione giusta ad ogni male?

Sono in tanti a pensare di non voler tornare più in ufficio e chi invece non vuole rinunciare a rivedere i propri colleghi e a interagire dal vivo con loro.

Smart working, cosa sta cambiando nelle grandi città

Smart Working
(picjumbo_com – Pixabay)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Ricchezza e amore, il 2022 sarà fortunatissimo ma solo per questi segni zodiacali

Il concetto di lavoro è cambiato completamente, dal momento che le abitudini di ogni lavoratore sono state stravolte e la normalità ha preso un’altra piega. Lo smart working è ormai un nuovo modo di lavorare e sono in tanti a preferirlo all’ufficio.

Perché? Sono tanti i motivi che spingono a favorire il lavoro da casa, innanzitutto un numero dimezzato di spese sia per il datore di lavoro sia per i dipendenti, avere più tempo per le proprie passioni e hobby.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Gratta e Vinci, con 10 euro diventano milionari. La fortuna ci ha visto doppio

“Il concetto di lavoro ha subìto un cambiamento che era atteso da tempo, un cambiamento che riguarda soprattutto la mentalità – ha sottolineato il country manager italiano, Raffaele GigantinoIn questi quasi due anni di lavoro da remoto abbiamo capito che il lavoro è ciò che si fa, non dove lo si fa. I dipendenti si sono abituati al lavoro flessibile e alla consapevolezza che non hanno bisogno di vivere in città costose per lavorare per un certo tipo di azienda”.

Poi ha continuato: “Sta alle aziende trovare il giusto bilanciamento fra controllo della produttività e misurazione delle prestazioni per essere in grado di attrarre e trattenere i talenti migliori, perché una cosa è certa: il lavoro distribuito è qui per rimanere”.

A questo punto si pensa a nuove strategie lavorative per incrementare lo smart working ed incentivare i dipendenti a fare sempre meglio.