IMU e TARI, ma non solo: saranno feste di Natale salatissime

Si prevedono settimane davvero molto dure tra la fine del 2021 e l’inizio dell’anno nuovo. Colpa di IMU e TARI e di tanti conti da pagare.

IMU e TARI oltre ai rincari peseranno sulle nostre tasche
IMU e TARI oltre ai rincari peseranno sulle nostre tasche Foto dal web

IMU e TARI, due sigle che fanno paura. E dobbiamo averne eccome, dal momento che queste detestatissime tasse peseranno sulle tasche di milioni di cittadini proprio in quello che è l’ultimo mese dell’anno.

Dicembre si caratterizzerà non solo per le spese delle festività di fine anno e per i numerosi rincari già effettivi in diversi ambiti, ma anche per la presenza appunto di IMU e TARI. E come se non bastasse, scadranno anche le date utili per mettersi in regola con le imposte di bollo su conti correnti, buoni fruttiferi e simili.

Proprio in relazione ai rincari, le bollette di corrente elettrica e gas da gennaio 2022 subiranno un aumento davvero pesante, tale addirittura da portare ad un esborso di oltre 1250 euro all’anno per ogni famiglia. Esborso che si divide mediamente in 900 euro in più per il gas e dei rimanenti 350 euro circa per la luce.

IMU e TARI, rincari e bollette monstre: sarà un 2022 pesante

Foto dal web

Poi ad aumentare sono anche altri beni di prima necessità come i carburanti, il pane, la pasta e tutto quanto legato in generale al grano. Tra questo, IMU e TARI converrà davvero risparmiare e mettere da parte delle risorse per non farsi trovare in fallo.

Leggi anche: Taglio dell’Irpef, chi guadagna di più con la riforma

La causa di tutto è da ricercare nell’impennata del costo dei beni energetici, visto che gas naturale e petrolio stanno costando sempre di più. Questo genera un circolo vizioso che ha come stadio finale un macigno che si abbatte sui portafogli di tutti noi.

Leggi anche: Bolletta Enel, stangata da 600 euro a gennaio: fate attenzione

E come è facile immaginare, la crisi economica che va avanti da inizio 2020 a causa della pandemia rende tutto più difficile. Alcune attività hanno anche ripreso, a dirla tutta, ma la ripresa è comunque lenta e bisognerà superare almeno quello che si prospetta essere un complicatissimo 2022 prima di poter percorrere una strada parzialmente in discesa.