Tredicesima, ad alcuni spetta a rate in busta paga: sei tra questi?

Per alcuni dipendenti, la tredicesima sarà pagata a rate in busta paga e non in un’unica soluzione insieme allo stipendio di dicembre. Queste sono le tipologie di lavoratori che la percepiranno in questo modo.

tredicesima rate busta paga dicembre 2021
(Pixabay)

Per tutti quelli che si erano posti la domanda sulla possibilità di rateizzazione della tredicesima, arriviamo a chiarire ogni dubbio. La risposta è si, può arrivare a rate e non aggiunta in un’unica soluzione allo stipendio di dicembre.

Ma cos’è la tredicesima, esattamente? Per ogni mese di lavoro, all’effettivo 15 giorni nell’arco del mese di riferimento, il lavoratore matura una parte di tredicesima.
Quindi, la gratifica natalizia per i dipendenti pubblici e privati non ha sempre un importo pieno: dipende dai mesi che il lavoratore ha maturato nel corso dell’anno.
Corrisponde, generalmente, ad un’intera mensilità e non sempre viene pagata in un’unica volta. Può essere divisa in più rate e accreditata su vari stipendi mensili.
Capiamo il perché.

Tredicesima: alcuni lavoratori la percepiranno a rate e non in un’unica soluzione insieme allo stipendio di dicembre. Ma perché?

tredicesima rate busta paga dicembre 2021
(Pixabay)

Il motivo è molto semplice, può essere stato il datore di lavoro ad averlo accordato in precedenza con il dipendente. Alcuni lavoratori possono richiedere di percepirla rateizzata in aggiunta ai vari stipendi mensili e si stipula un accordo sindacale aziendale o un accordo individuale con il proprio capo. Pertanto a dicembre essi si vedranno accreditati semplicemente i soldi di una delle rate che gli spettano, non un intero stipendio in più.
Questa eventualità riguarda i lavoratori privati, per cui viene applicato anche un CCNL che disciplina il pagamento della tredicesima.

Leggi anche -> Aumento in busta paga, ma è riservato a queste categorie: la tua rientra nella lista?

La tredicesima ai dipendenti pubblici viene pagata in un’unica soluzione quando si avvicina il Natale. Arriverà, invece, in date specifiche per i dipendenti privati, in base alle indicazioni fornite dal CCNL di riferimento.

Leggi anche -> Oroscopo, i tre segni che non passeranno un bel Natale

Tra le categorie di lavoratori che percepiscono la tredicesima a rate, ad esempio, ci sono alcuni insegnanti.
Ai docenti a tempo indeterminato o a tempo determinato con contratto annuale fino al termine delle attività didattiche il 31 agosto o 30 giugno, viene pagata in un’unica soluzione a dicembre, per i mesi maturati. Ma ai supplenti, assunti con contratti di breve durata, la tredicesima arriva a rate in busta paga.