Albero di Natale: sei sicuro che comprarlo finto sia davvero un vantaggio? Tutta la verità

Albero di Natale: siete proprio sicuri che evitare di comprarne uno vero sia la scelta più saggia da fare? In caso vi faremo cambiare idea

Albero di Natale
Albero di Natale: vero o finto? – Foto da Pixabay

Agghindare l’albero di Natale è senza dubbio una delle tradizioni più sentite del periodo delle feste. Molti aspettano l’8 dicembre per tirare fuori dai ripostigli palline, luci colorate e ghirlande; altri, invece, non resistono alla magia del momento più bello dell’anno e iniziano a decorare le proprie dimore con settimane di anticipo.

Leggi anche >>> Mariah Carey guadagna una cifra esorbitante ogni anno sempre con la stessa canzone. Risultato stupefacente

Che voi apparteniate alla prima o alla seconda categoria, poco importa. Siamo sicuri che a un certo punto vi sarete imbattuti nel dilemma se acquistare un albero vero o, in alternativa, di plastica pensando di fare una scelta economica vincente e soprattutto favorevole per l’ambiente. Siete proprio sicuri che sia così? Le cose forse non stanno come avete sempre pensato.

Albero di Natale: vero o finto? La verità che probabilmente vi sconvolgerà

Albero di Natale
Albero di Natale: vero o finto? – Foto da Pixabay

Se pensate che comprare un albero finto sia più ecologico, preparatevi a ricredervi. A quanto pare, infatti, secondo alcuni dati pubblicati in passato dalla autorevole fonte New York Times, un albero di Natale finto per avere un concreto impatto positivo sull’ambiente deve essere utilizzato almeno per un periodo di 20 anni.

Inoltre, secondo Pefc Italia, associazione senza fini di lucro che promuove la gestione sostenibile delle foreste, sono molto dannose le emissioni delle varie fasi, sia di produzione che di smaltimento di un albero in plastica, addirittura quattro volte peggiori rispetto a uno vero.

Leggi anche: Smart working, c’è l’accordo: cosa cambierà finito lo stato emergenziale

Altro dato importante che incide sulla questione è il trasporto. Una ricerca della Coldiretti ha messo in luce che la maggior parte di questi oggetti provenga dalla Cina con una conseguente consumazione di petrolio e liberazione di gas nell’atmosfera. Un albero di Natale finto, inoltre, impiega 200 anni per degradarsi completamente.

Caso contrario, invece, riguarda gli alberi veri. Se acquistati da coltivazioni apposite non hanno affatto un impatto negativo sull’ambiente. Ciò a cui dobbiamo stare attenti maggiormente è la provenienza: più vicino è il luogo della coltivazione dal quale stato è stato espiantato, minore saranno i danni derivati dal trasporto.