Falcone e Borsellino, l’omaggio sulla moneta da 2 euro: è un simbolo di opposizione alla mafia

3 milioni di esemplari sono in circolazione, per un totale di 6 milioni di euro: la moneta da 2 euro che riporta i volti di Falcone e Borsellino è un simbolo di lotta contro la mafia.

omaggio falcone borsellino moneta 2 euro
(Pixabay)

Il Poligrafo di Stato ha coniato 3 milioni di monete da 2 euro che riportano i volti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. A partire da oggi sono in circolazione.
Si tratta di un commovente omaggio ai due magistrati che hanno eroicamente perso la vita trent’anni fa, nelle stragi di Capaci e di Via D’Amelio, insieme ai gruppi delle rispettive scorte.

L’immagine rappresentata è una delle più iconiche dei due personaggi storici che hanno lottato contro Cosa Nostra. Falcone e Borsellino sono due simboli per eccellenza dello scontro con la mafia, ed è per questo che per il trentesimo anniversario della loro morte, è stata coniata la moneta che gli rende omaggio.

L’omaggio a Falcone e Borsellino e simbolo di lotta contro la mafia: sono in circolazione 3 milioni di monete da 2 euro che riportano i volti dei noti magistrati

moneta 2 euro omaggio falcone borsellino
Moneta omaggio a Falcone e Borsellino (Screenshot RaiNews)

E’ in circolazione un totale di 6 milioni di euro di questi pezzi. Sulla parte anteriore dell’esclusiva moneta è incisa l’immagine della famosa fotografia di Tony Gentile: Falcone e Borsellino sono insieme, sorridenti.
Si tratta di un’immagine risalente al 27 marzo 1992, quindi a pochi mesi dalla loro morte. I due magistrati erano impegnati in un evento pubblico al palazzo Trinacria di Palermo, nel rione della Kalsa. Stavano presentando alla Camera una candidatura dei deputati del collega Giuseppe Ayala.

Leggi anche -> Il caro Euro a confronto con la vecchia Lira. Il paragone sconvolgente

La moneta prevede anche la scritta arcuata, progettata da Valerio De Seta, che cita “FALCONE – BORSELLINO” e le date “1992-2022”. Si tratta dell’anno della loro scomparsa e l’anno di conio della moneta. Viene riportato anche l’acronimo “RI”, che riassume Repubblica Italiana e “R” come simbolo della Zecca di Roma.
“VdS”, che appare a sinistra, rimanda invece a Valerio De Seta, l’autore.
Lungo il perimetro poi, non possono mancare le dodici stelle dell’Unione Europea.

Leggi anche -> Problemi PostePay, segnalati grossi disguidi per tanti utenti

In aggiunta all’importante valore che ha per il nostro Paese, inutile dire che questa moneta, data la sua particolarità e la scarsa produzione, è una merce rara ambitissima tra i collezionisti.