La truffa della “banconota smarrita”. Fatevi furbi e non ci cascate

Una truffa subdola si svoge nei pressi degli sportelli ATM. Scopriamo i dettagli di come avviene in modo da poterla prevenire e proteggerci

Truffa sportello atm
Truffa sportello atm (Pixabay)

Siamo talmente immersi in un mondo ipertecnologico che ormai ci aspettiamo determinati tipi di atteggiamenti fraudolenti soprattutto in area telematica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stipendi calciatori, quanto guadagna l’attaccante del Real Madrid Gareth Bale

Abbiamo, infatti, acquisito familiarità con termini come phishing, il quale si riferisce a una particolare tipologia di truffa che si svolge attraverso internet. Il malvivente cerca di far cadere nella propria rete un ingenuo utente, estorcendogli con l’inganno dati e informazioni sensibili per poter accedere ai suoi conti on-line. Questo ci ha fatto dimenticare che molto spesso le truffe avvengono ancora oggi con il “vecchio stile”, ossia nel mondo reale, faccia a faccia.

La truffa della “banconota smarrita”. Come avviene e chi è più esposto

Truffa sportello atm
Truffa sportello atm (Pixabay)

La truffa della banconota o moneta smarrita si svolge nel mondo reale e vede all’opera solitamente due malviventi complici.

Si appostano nei pressi degli sportelli ATM e adocchiano una vittima sprovveduta che si sta accingendo a fare un’operazione di prelievo di contanti. Con delle tecniche creative ma malevole allo stesso tempo, riescono a mettere in scena il loro intento criminoso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Videocassetta dal valore di 12.000 euro. Se è in casa tua sei ricco

Uno dei complici è adibito a notare e segnare il PIN della vittima senza farsi accorgere. Il secondo, invece, farà cadere per terra del denaro, una banconota o una moneta, chiedendogli se lo ha smarrito accidentalmente e mostrandosi onesto. Distratto in questo modo, l’ingenuo utente subirà un calo d’attenzione e lascerà sguarnita la postazione sullo sportello ATM dove stava svolgendo le sue operazioni. A questo punto, il precedente complice interverrà rubando la carta o i contanti. Tutto si svolge in una manciata di secondi, molto rapidamente. Le vittime designate sono spesso poveri anziani.

Questo tipo di truffa viene definita Shoulder Surfing che significa “fare surf dietro le spalle”, descrivendo perfettamente le movenze dei malviventi che si aggirano sgusciando quando qualcuno è girato di schiena e poco attento cosa sta avvenendo.