Bollo auto, scopri come fare per non pagarlo

Il pagamento del bollo auto arriva per tutti, per questo è importante capire come fare per evitare di pagarlo.

Ogni anno, puntualmente, arriva il bollo auto da pagare. Il 2022 è l’anno giusto per risparmiare un po’ di soldi ed evitare spese non necessarie, proprio come il bollo per la macchina.

Bollo auto, in quali casi si può evitare di pagarlo? Scopriamolo insieme

Oggi proveremo a scoprire quali sono i modi per evitare di pagare la tassa automobilistica, pur restando nella legalità ed evitando l’arrivo della cartella esattoriale. Per evitare di pagare il bollo auto potrebbe essere necessario inoltrare una domanda agli uffici competenti della propria regione di residenza, altre volte, però, il procedimento potrebbe essere più lungo.

Vedi anche -> Cartelle esattoriali, arriva la proroga del termine di pagamento

Gli automobilisti trovano abbastanza indigesto il pagamento del bollo auto, in quanto sono obbligati a pagare quella tassa soltanto perché proprietari di una vettura. In molti cercano delle soluzioni fantasiose per evitarne il pagamento, ma noi parleremo solo dei casi legali che permettono di risparmiare sul bollo, se non addirittura di non pagarlo.

Vedi anche -> Risparmiare sulla bolletta, ora si può

Per risparmiare con il bollo auto la prima cosa da fare è passare per la domiciliazione bancaria, che permette di ottenere uno sconto secco del 10% sulla tassa automobilistica. Non è possibile richiedere la domiciliazione bancaria per i veicolo ultratrentennali e per i rimorchi con una massa inferiori a 3,5 tonnellate. Un altro caso per evitare di pagare la tassa automobilistica riguarda coloro che hanno una disabilità riconosciuta ai sensi della Legge 104, i quali hanno il diritto a non pagare il bollo auto.

Vi sono poi delle agevolazioni regionali rivolte ai contribuenti, che garantiscono delle tariffe calmierate per chi deve pagare il bollo auto. In Lombardia è diverse categorie di utenti possono ottenere degli sconti sulla tassa automobilistica:

  • taxi hanno uno sconto del 75%;
  • veicoli ibridi, per 5 anni, e le macchine a noleggio pagano il 50%;
  • veicoli delle scuole guida: hanno il 40%;
  • autobus a noleggio, che usufruiscono del 30% di sconto;
  • autoveicoli adibiti al trasporto di cose di peso complessivo non inferiore a 12 tonnellate e trattori stradali per il traino di semirimorchi muniti di sospensione pneumatica all’asse o agli assi motore o di sospensione ad essa equivalente, beneficiano del 20%.

In Lombardia oltre alle persone disabili, sono esentati dal pagamento del bollo auto anche i mezzi a noleggio per trasporto di persone, ciclomotori e quadricicli leggeri, veicoli a idrogeno, veicoli elettrici e veicoli alimentati esclusivamente a gas, autobus adibiti a servizio pubblico di linea, autoveicoli adibiti allo spurgo dei pozzi neri, autoveicoli adibiti con sistemi automatizzati al contestuale carico, scarico e compattazione dei rifiuti solidi urbani, autoambulanze per i servizi di soccorso, veicoli storici e mezzi pubblici.

A riservare sconti ai contribuenti ci pensa anche la Regione Puglia che, oltre ai disabili, permette di non pagare il bollo auto anche ai proprietari di autoveicoli con motore elettrico. L’esenzione ha durata di cinque anni dalla data dell’immatricolazione. Ulteriori sconti sono previsti anche per chi ha dei veicoli a Gpl e metano.