50€ al mese per chi usa la bici: la città italiana leader del green e del rispetto ambientale

E’ uno spunto e un esempio tutto da seguire. Parma sceglie il green e il rispetto dell’ambiente mettendo 50€ in regalo al mese per chi usa la bici per andare a lavorare. Vediamo maggiori dettagli su questa nuova iniziativa.

biciclette affitto 50 euro mese Parma
(Pixabay)

Per promuovere una mobilità sempre più green, amica dell’ambiente ed ecosostenibile, Parma ha dato avvio al progetto Bike to Work: prevede 50€ al mese in regalo per chi preferisce l’utilizzo della bici al posto dei veicoli.
L’iniziativa presa dalla città emiliana deve essere uno spunto da seguire per molte altre città. E’ stata predisposta per contrastare le attuali condizioni in cui versa la pianura Padana: le polveri fini hanno causato un forte inquinamento ed è necessario combatterlo con ogni mezzo a disposizione.

Parma, la città italiana amica dell’ambiente: 50€ in regalo a chi sceglie di usare la bicicletta e rimborso per ogni chilometro

biciclette affitto 50 euro mese Parma
(Pixabay)

Mossa da un importante obiettivo, Parma ha scelto di spingere in questa direzione: ridurre l’uso dei veicoli premiando i lavoratori disposti ad usare la bicicletta per recarsi sul luogo di lavoro.
Gli incentivi prevedono un contributo di 50 euro al mese o un rimborso di 20 centesimi per ogni chilometro effettuato lungo il tragitto casa-lavoro.
La distanza viene monitorata da un’applicazione che dimostra il corretto sfruttamento dei fondi pubblici.

Per il Comune, l’investimento è minimo: utilizza i fondi previsti per la mobilità sostenibile. Si tratta di fondi regionali integrati dall’ente per il 30% del totale. Nella percentuale vengono anche inclusi il prezzo del lavoro del mobility manager e delle campagne di comunicazione.

Leggi anche -> Caldaie green, la scelta ecologica per salvaguardare il pianeta

Marco Ronchei, responsabile della struttura operativa Mobilità sostenibile di Parma, ha raccontato a Radio Gold che questo progetto sta già riscuotendo un discreto successo: sono le singole imprese ad aderire e ad oggi se ne contano ben 43 (rispetto alle 17 dello scorso anno). Probabilmente sta giocando un ruolo importante la crisi energetica in corso: questo incoraggia a prendere parte alle misure pensate per rendere la città più a misura d’uomo, con la costruzione di più percorsi pedonali e ciclabili che rendono il centro storico vivibile ed ospitale.

Anche in Piemonte si iniziano a vedere delle città che intraprendono percorsi analoghi: Cuneo ha preso parte al progetto nel 2021 ed è stato esteso anche al 2022.