Assicurazione auto, come risparmiare: attenzione alle valutazioni

L’assicurazione auto è forse la spesa più gravosa tra le tante per chi ha un’auto: tutte le possibili soluzioni per pagare meno

assicurazione auto
Pixabay

Caro benzina, tassa di possesso, revisione, gomme da cambiare in base alla stagione, eventuali rotture e manutenzione ordinaria: sono tante le spese che deve affrontare chi ha un’auto, soprattutto in questi temi che il carburante ha toccato cifre mai viste prima.

A tutto ciò si aggiunge quella che forse è la spesa più grande, l’RC Auto. Come fare per risparmiare? Se lo chiedono in tanti anche perché è una spesa che non si può eliminare. Ricordiamo infatti che senza l’assicurazione non è possibile circolare. Ma c’è un problema di non poco conto se si aggiunge a tanti altri: la tariffe rispetto allo scorso anno sono in salita.

Per provare a risparmiare bisogna confrontare i vari prodotti che ci sono sul mercato perché non tutti offrono gli stessi servizi. Si paga di più per assicurarci dal frutto ma anche dall’incendio. Altre polizze prevedono il carro attrezzi gratis se dovesse succedere che non è in grado di mettersi in moto e va sposatato da dove si trova.

Assicurazione auto, come scegliere tra le varie proposte

Il confronto con tutte le polizze si può fare sul sito Facile.it. Forse non tutto lo sanno ma può essere più vantaggiosno avere più auto in un solo nucleo familiare, sfruttando alcune offerte se la polizza viene sottoscritta con un’unica agenzia.

Tra le cose da valutare anche le eventuali franchigie immesse nella polizza che fanno variare il premio. Ricordiamo che la franchigia è la parte di risarcimento che può essere caricata al contraente già quando si stipula il contratto.

Oltre all’assistenza stradale di cui prima come il carro attrezzi, tre i vari accessori che si stipulano ci sono infortuni per il conducente o eventi atmosferici e naturali. Ovviamente ogni accessorio che viene aggiunto si paga in più e fa lievitare il prezzo finale.

Per questo prima di stipulare un contratto bisogna valutare bene cosa ci serve. Se, ad esempio, l’auto è abbastanza vecchia e pensiamo che non possa essere rubata o comunque le probabilità calano perché abbiamo un garage a disposizione (rispetto al parcheggio in strada quindi è meno probabile che possa essere oggetto di furto), la postilla sul furto può anche essere esclusa. Eventuali formule di guida sono da calutare per cercare un maggiore risparmio. C’è ad esempio l’opzione guida esperta, consigliata se il conducente è sempre lo stesso.