Riforma delle pensioni, come mettersi al riparo con il sistema pro rata

Non sempre una riforma delle pensioni potrebbe avere delle conseguenze benevoli. Perciò alcuni preservano i loro contributi in questo modo.

Una calcolatrice su dei soldi
Una calcolatrice su dei soldi (Pixabay)

Riforma delle pensioni, la misura dovrebbe essere introdotta a breve, in teoria con un ricalcolo verso l’alto degli importi ricevuti dall’INPS o dalle varie casse integrative di riferimento. E questo per combattere l’inflazione, che è cresciuta di diversi punti percentuali.

Questa situazione sfavorevole ha eroso il potere di acquisto dei cittadini, vanificando il più delle volte anche importi che un tempo sarebbero bastati per vivere in tutta tranquillità. Basti pensare a quanti rincari ci sono stati durante gli ultimi mesi, tra bollette, spesa e carburanti. Una riforma delle pensioni serve per dare un aiuto concreto ai cittadini.

A temere sono anche tutti coloro che hanno maturato dei contributi prima del 1996, anno che fa un pò da spartiacque e che per questa categoria di pensionati rappresenta il modo più conveniente per potere procedere con il calcolo di quanto spetta loro.

Riforma delle pensioni, il sistema che mette al sicuro i contributi passati

Come immediata reazione a delle possibili conseguenze indesiderate e sfavorevoli di una futura riforma delle pensioni, c’è chi sta facendo tutto il possibile per potere avere accesso in anticipo all’ottenimento dell’assegno previdenziale da parte dell’INPS. Anche a costo di perdere qualcosa sull’importo da calcolare.

In particolare c’è chi segue il principio del pro rata, che tiene conto di quelli che sono i contributi già versati in effetti. Va ricordato come il sistema di calcolo, dagli anni Novanta ad oggi, sia stato più e più volte modificato basandosi ogni volta su dei criteri differenti.

Ma con il sistema pro rata non scatta alcuna retroattività nel calcolo e quello che è stato, sarà, ai fini dei contributi per la propria pensione. Per cui, qualunque eventuale modifica e riforma delle pensioni avrebbe luogo, nella specifica situazione del pro-rata, solamente a decorrere dal presente.

Potrebbe interessarti anche: Calcolo della pensione, le differenze con cinque anni di contributi

L’alternativa fai da te per andare in pensione già a 50 anni

Fermo restando che comunque qualche punto sfavorevole potrebbe comunque manifestarsi. Per saperne di più si consiglia di chiedere informazioni a degli esperti del settore.

Non mancano poi alcuni pratici consigli su come prendere iniziativa e risparmiare da soli una certa somma all’anno, già a partire dalla giovane età. In questo modo sarà possibile creare da sé una vera e propria pensione tra l’altro decisamente niente male.

E smettere persino di lavorare con almeno un decennio prima, se non di più, rispetto a quella che è l’età pensionabile prevista per legge.