Bonus mobilità 2022: domande entro il 13 maggio

Il Bonus mobilità 2022 per biciclette e monopattini ha una data di scadenza per presentare le istanze che è il 13 maggio. Vediamo i dettagli

bonus mobilità domande 13 maggio
(foto Instagram)

Il Bonus mobilità 2022, come stabilito con l’art. 44, comma 1-septies del D.L. n. 34/2020 (cd. Decreto Rilancio), prevede un credito d’imposta per l’acquisto di biciclette, monopattini, e-bike e abbonamenti ai servizi pubblici, compreso il car sharing. Il suo utilizzo è previsto nella misura massima di 750 euro, esclusivamente nella dichiarazione dei redditi delle persone fisiche, in diminuzione delle imposte dovute e non oltre il periodo d’imposta 2022.

L’agevolazione viene disciplinata all’interno del decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze del 21 settembre 2021, che stabilisce che può essere richiesta dai contribuenti che hanno acquistato tra il 1 agosto e il 31 dicembre 2020 mezzi di trasporto o in condivisione ecosostenibili. Un’ulteriore conditio sine qua non per accedere alla misura è l’aver rottamato, nello stesso periodo dell’acquisto del mezzo nuovo, un veicolo di categoria M1, rientrante tra quelli previsti dalla normativa.

Bonus mobilità 2022 bici e monopattini: come richiederlo

bonus mobilità domande 13 maggio
(foto Instagram)

Le modalità per richiedere il Bonus mobilità 2022 prevedono l’indicazione nella dichiarazione per il periodo d’imposta 2021, oppure per il periodo d’imposta 2022, dell’importo che l’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto in base alla percentuale stabilita dalla normativa. I fondi stanziati per la misura sono 5 milioni di euro complessivi che determineranno la quota percentuale di credito spettante che potrà essere calcolata e stabilita con decreto entro il 23 maggio 2022. Il calcolo verrà effettuato tenendo conto del rapporto fra il limite del plafond e il totale del bonus pervenuti tramite tutte le istanze debitamente presentate valide.

Le domande possono essere presentate direttamente dal contribuente o tramite un intermediario abilitato. Il termine ultimo è quello del 13 maggio, entro tale data dovranno pervenire le istanze valide trasmesse telematicamente all’Agenzia delle Entrate. Sarà possibile l’invio tramite il servizio web dedicato e disponibile nell’area riservata del portale dell’Agenzia delle entrate o tramite i canali telematici dell’agenzia delle entrate, seguendo le specifiche tecniche. Il modello dell’istanza è molto snello e di facile compilazione e il dato principale da inserire riguarda l‘importo delle spese sostenute per l’acquisto.

Quindi chi ha rottamato l’auto e ha scelto mezzi o servizi di mobilità sostenibile, anche acquistando un abbonamento ai mezzi pubblici, può inoltrare l’istanza e richiedere il credito d’imposta dovuto. Certo è che i tempi di attuazione dell’agevolazione fiscale, stabilita nell’anno della pandemia, sono stati molto lunghi tanto da farla considerare quasi una misura retroattiva.