Pensione 2022, la comunicazione dell’INPS per il personale scolastico

Pensionamenti 2022: l’INPS comunica attraverso un comunicato stampa che è in corso l’operazione delle certificazioni del diritto alla pensione del personale scolastico.

pensione personale scolastico
Insegnante (Pixabay)

La scuola sta per terminare e l’INPS ha pubblicato un comunicato stampa attraverso cui annuncia che è in corso l’operazione della certificazione del diritto alla pensione del personale del comparto scuola.

Stanno lavorando a tale progetto l’istituto previdenziale che collabora con il MIUR e l’Amministrazione scolastica, è stato completato il 95% delle certificazioni. Scopriamo insieme tutti i dettagli relativi a tale operazione e chi sono i diretti interessati.

Pensione 2022 personale scolastico, il comunicato dell’INPS

L’INPS ha pubblicato il comunicato stampa lo scorso 2 maggio 2022 e sul documento ufficiale si legge:

“In particolare, considerando le verifiche con esito positivo, risultano certificati i diritti alla
pensione per circa 28.700 nominativi (circa 20.400 personale docente; circa 7.600 personale ATA; circa 400 insegnanti di Religione; circa 300 dirigenti scolastici; circa 60 personale educativo)”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Bonus 200 euro anche per chi prende il Reddito di Cittadinanza

E poi ancora: “Le sedi territoriali dell’Inps, inoltre, sono ulteriormente impegnate affinché il personale certificato riceva il trattamento pensionistico con decorrenza 1° settembre 2022, senza soluzione di continuità rispetto all’ultimo stipendio”.

Per ottenere tale trattamento è necessario avere de requisiti che sono:

  • avere 67 anni di età e almeno 20 anni di contributi maturati entro il 31 agosto 2022;
  • avere 67 anni e 20 anni di contributi da maturare tra il 1° settembre ed il 31 dicembre 2022, purché si abbia presentato la domanda di cessazione dal servizio entro il 2 novembre 2021;
  • avere 66 anni e 7 mesi entro il 31 dicembre 2022 e almeno 30 anni di contributi versati entro il 31 agosto 2022, per quanto riguarda i docenti della scuola dell’infanzia, avendo presentato domanda di cessazione nel 2021 in caso di compimento degli anni successivamente al 31 agosto 2022;
  • avere 71 anni compiuti entro il 31 dicembre 2022 e almeno 5 anni di contributi maturati entro il 31 agosto 2022, solo per chi ha iniziato a versare i propri contributi a partire dal 1 gennaio 1996.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Bonus Sicurezza, quanto vale e quali sono le spese per ottenerlo: i dettagli

Per quanto riguarda la questione della pensione anticipata, invece, bisogna avere maturato 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini. In questo caso l’età non conta.