Isee per ottenere bonus e sconti in bolletta: farlo online è possibile

Sconto in bolletta per luce e gas attivo fino al 31 dicembre 2022: per ottenerlo serve l’Isee. Come richiederlo?

Isee come richiederlo documenti
(Vincenzo De Bernardo – Adobe Stock)

L’intervento del Governo per cercare di arginare il caro bollette si è concretato principalmente in quello che è stato definito bonus bollette (sia luce che gas) ottenibile fino al 31 dicembre 2022. Un’agevolazione implementata attraverso il Decreto Ucraina bis con il quale la soglia Isee (tra i requisiti per ottenerla) è stata alzata a 12mila euro. Ma esattamente cos’è l’Isee e come si richiede? Quali documenti servono per ottenerlo.

Isee, come fare richiesta per ottenerlo e capire se si è destinatari di bonus

Isee come richiederlo documenti
(Riccardo Antimiani – Ansa)

L’Indicatore della Situazione economica equivalente, meglio noto come Isee, è uno strumento che lo Stato utilizza per comprendere quali sono i cittadini in maggior difficoltà economica e concedere loro bonus o agevolazioni.

Per poter ottenere questo documento, le strade percorribili sono diverse. La prima è quella di collegarsi al sito dell’Inps e procedere in autonomia seguendo tutte le indicazioni. In sostanza, è possibile compilare il proprio Isee online, inserendo diversi dati importanti. L’altra è quella di rivolgersi ad un Caf. Si tratta della formula senza dubbio più comoda, per i meno esperti. In nessuno dei due casi, è bene precisarlo, ai cittadini sarà richiesto un pagamento.

Vediamo la prima possibilità. La persona che voglia procedere da sola alla richiesta, dovrà recarsi sul sito dell’Inps ed autenticarsi attraverso lo Spid o la Carta Nazionale dei Servizi. A quel punto dovrà selezionare l’area dedicata, munendosi di tutti i documenti che servono, in particolare:

  • Stato di famiglia e documenti di tutto il nucleo
  • Dati relativi ai redditi
  • Situazione patrimonio immobiliare di tutti i membri della famiglia
  • Situazione patrimonio mobiliare (le cosiddette giacenze medie)

Eventuale sussistenza di mutui, assicurazioni sulla vita, presenza di persone con disabilità. Ed ancora la proprietà di veicoli.

Inseriti tutti questi dati, si potrà inoltrare la domanda. Per avere un riscontro potrebbero volerci circa 10 giorni. L’istanza sarà quindi inoltrata all’Agenzia dell’Entrate che verificata la correttezza delle informazioni rimanderà all’Inps la richiesta e che a sua volta provvederà ad elaborare l’Isee.

Fruire dei servizi di un Caf è praticamente la stessa cosa, bisognerà infatti consegnare all’operatore la stessa documentazione che si sarebbe prodotto se si fosse proceduto in autonomia. Bisognerà, quindi, esibire documenti di identità, ultima dichiarazione dei redditi, titoli di proprietà di eventuali immobili e via discorrendo. Il procedimento seguirà in tutto e per tutto quello precedentemente descritto. Sarà poi il Caf a rilasciare l’Isee al suo utente.

Una volta ottenuto l’Isee, quindi, si potrà utilizzare il documento per effettuare tutte le richieste di bonus ed agevolazioni. È bene precisare che per quanto riguarda lo sconto bollette luce e gas, questo avverrà in automatico in base appunto a quanto emerso dall’Isee.

Bonifico Bancario consiglia: come ottenere benefici senza l’Isee – Video