Bonus spesa, nuova misura del governo: come fare per avere il contributo

Bonus spesa, accanto alla misura dei Comuni il governo mette in campo un’altra agevolazione per contrastare il caro-vita

bonus spesa
Supermercato (foto BonificoBancario)

Di misure che aiutano le famiglie, soprattutto le più numerose con minori a carico e meno abbienti, se ne sente parlare sempre di più. Negli ultimi due anni sono stati strumenti necessari affinché intere famiglie riuscissero ad arrivare a fine mese.

La pandemia aveva obbligato alla chiusura o a un forte rallentamento di tante attività che ora man mano si sono riprese, anche se gli effetti negativi si fanno ancora sentire. Alle fine del 2021 sono poi arrivati i rincari delle materie prime energetiche e il 24 febbraio 2022 è iniziata l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia con la benzina che dopo qualche settimana aveva raggiunto circa 2,3 euro a litro e anche più.

Gli italiani hanno bisogno di soldi in tasta e per tale motivo il governo ha pensato di dare una tantum di 200 euro a dipendenti, pensionati e autonomi che non guadagnano più di 35mila euro all’anno, ma gli interventi non si limitano a ciò.

Bonus spesa, la Carta Acquisiti del governo

Un servizio dei Comuni è il bonus spesa, utilizzato tantissimo soprarattutto durante i primi mesi della pandemia. Ogni ente locale perà applica delle regole e l’erogazione avviene in base all’Isee, al numero dei componenti del nucleo familiare e dei minori.

Accanto a questa misura il governo ha messo in campo un altro stumento ancora per combattere il rialzo dei prezzi. Si tratta della Carta degli Acquisti che consente di ottenere un contributo mensile di 40 euro da utilizzare per fare la spesa, comprare i beni di prima necessità e pagare le bollette.

Nel concreto sarà data a chi ha diritto una carta ricaricabile e ogni due mesi saranno accreditati 80 euro. Con i negozi convenzionati, la carta darà diritto anche a sconti.

Tra i requisiti per ottenere la carta, un’età superiore o uguale ai 65 anni o ai genitori di bambini di età superiore o uguale ai 3 anni con Isee non oltre i 7.120,39 euro (ma fino a 9.493,86 per gli over 70) e con patrimonio mobiliare non superiore ai 15.000 euro. La richiesta può essere fatta su un apposito portale del Ministero dell’Economia cliccando qui.