Transizione digitale in Italia: Visa e i pagamenti digitali del futuro

Transizione digitale in Italia e Visa, leader mondiale nei pagamenti digitali

transizione digitale
( foto Pixabay)

La transizione digitale in Italia è stata notevolmente accelerata dalla pandemia e dai periodi di lockdown forzato che hanno cambiato il punto di vista degli italiani e il loro approccio all’e-commerce. La pandemia ha impattato duramente sulla società favorendo cambiamenti nei metodi di acquisto e di pagamento dei consumatori. Il cambio di rotta è deciso a favore del digitale con un progressivo e inevitabile abbandono dell’utilizzo del contante. La cultura italiana era recalcitrante e perdurava l’abitudine e l’affezione alla carta moneta, ma la svolta ormai è avviata e non si torna indietro.

Le analisi di mercato fanno emergere la nuova propensione per i pagamenti contactless parallelamente al trend in riduzione dei pagamenti in contante. In aumento anche l’universo dell’e-commerce con gli acquisti online in continua crescita in un’ottica di fiducia nell’utilizzo dei pagamenti digitali. Il cambio culturale sta procedendo a passi spediti verso il futuro all’interno della strada aperta della transizione digitale per il nostro paese che coinvolge ormai ogni settore.

Transizione digitale: Visa e gli investimenti in tecnologia e sicurezza

transizione digitale
(foto Pixabay)

Gli indubbi passi in avanti compiuti in Italia con gli incrementi registrati sul fronte dei pagamenti digitali e dell’e-commerce conferma la linea tracciata verso la transizione digitale avviata nel nostro paese. La fanno ormai da padrone gli acquisti online o in modalità contactless con incrementi da capogiro.

Visa, leader mondiale nei pagamenti digitali, ha registrato nel 2021 ben 232,5 miliardi di transazioni di pagamento con un volume complessivo di 13 mila miliardi di dollari a riscontro del cambiamento nelle modalità di utilizzo degli strumenti di pagamento per i consumatori. Stesso discorso vale per il cambiamento di rotta degli esercenti, un tempo restii alle soluzioni digitali. Le difficoltà della pandemia hanno dato valore a tutto il compartimento dell’online sia dal punto di vista dei consumatori che dei commercianti.

La prospettiva è cambiata e il digitale non viene più considerato alternativo alla vendita fisica ma uno strumento per ampliare le possibilità nel business. La strada è ancora lunga ed è fondamentale investire sempre di più nell‘innovazione tecnologica e nella cyber security, formando ed educando il mercato dei consumatori e quello degli esercenti. Comodità, sicurezza e protezione del denaro sono le linee marketing da impostare e implementare per il cambiamento culturale in Italia.

Visa si è attivata con la promozione di progetti dedicati al cambio culturale come “Growing Tour“, percorso di formazione indirizzato alle nuove generazioni per l’insegnamento della programmazione informatica unita alla economia e alla sostenibilità, coinvolgendo le scuole italiane. Sulla stessa linea Visa ha sviluppato accordi e partnership con investimenti volti alla sicurezza e all’implementazione di strumenti e competenze per le imprese interessate a portare il loro giro di affari online. E non finisce qui. Trasporto pubblico e amministrazione pubblica sono all’interno dei progetti di digitalizzazione di Visa.

Il futuro dei pagamenti digitali è sempre più mirato al consumatore e alla personalizzazione dell’offerta con soluzioni ad hoc per ognuno. Esempi sono le già emergenti possibilità di pagamenti posticipati come “ordina adesso e paga dopo” o l’opportunità di pagamenti in più tranches senza costi aggiuntivi.