Condizionatori, come risparmiare sulla bolletta elettrica

Come risparmiare sulla bolletta ora che in estate avremo bisogno del condizionatore d’aria per respirare un po’

Pixabay

Ad alzarsi non sono solo le temperature ma di conseguenza anche le tariffe dell’energia elettrica. Ormai sono mesi che gli italiani, e gli europei in generale, sentono parlare di rincari. Già alla fine del 2021, con l’aumento dei prezzi energetici, ovviamente a risentirne negativamente sono state tutte le forniture, diventando un peso per i consumatori finali.

Da febbraio, da quando la Russia ha attaccato l’Ucraina, la situazione è peggiorata. Non solo il carburante dunque ma anche luce e gas sono diventate zavorre. Ma se il problema era prima riscaldarsi ore è refrigerarsi e dopo il caldo record di un anno fa, i prossimi mesi si annunciano ancora più bolletti.

Ma pur tra mille difficoltà le famiglie non vogliono rinunciare ad accendere un po’ il condizionatore d’aria, anche se la bollettà sarà poi più cara. Un modo per non far elevare troppo i consumi c’è e i consigli su come fare li fornisce la stessa Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Come risparmiare sulla bolletta senza rinunciare al condizionatore d’estate

Sono due in particolare gli accorgimenti che secondo l’ente pubblico bisogna avere. Il primo riguarda il settaggio della temperatura interna: il termostato che va portato da 26 a 28°C, il secondo è chiudere le persiane per non far entrare troppa luce (e dunque calore), fino a sbarrare tutto quando non si è in casa, così le stanze non si surriscaldano inutilmente.

Seguendo questi due semplici consigli si possono ridurre i consumi per tutta l’estate del 50%. Ovviamente sono stime soggetti a variazioni perché è in base a quanto la casa sia esposta alle radiazione del sole.

Altri dettagli cui dare peso è la pulizia dei filtri in modo che il condizionatore lavori di meno e dunque nin consumerà troppa energia. Per lo stesso principio la parte esterna del climatizzatore non deve essere posizione dove batte direttamente il sole e se non ci sono altri spazi, se possibile, è meglio fare una copertura in modo che sulla ventola ci sia ombra.

Altra buona abitudine è utilizzare il timer, collocare bene gli split e mettere in funzione la modalità deumidificatore. Un condizionatore vecchio consuma di più. Meglio quindi comprarne uno di una classe energetica più alta e se non è possibile si può provare a rientrare nei requisiti per ottenere il bonus condizionatori.