Bonus psicologo, il ministro Speranza firma ma Codacons non ci sta

Il ministro Roberto Speranza ha firmato il decreto riguardante il bonus psicologo. Codacons spiega quali sono i punti deboli.

bonus psicologo
Psicologo (Pixabay)

Il Covid-19 ha messo a dura prova milioni di italiani che da un giorno all’altro si sono ritrovati a stravolgere le proprie abitudini. Molti di noi a causa della pandemia non sono più gli stessi, c’è chi ha scoperto un lato di se stesso rimasto fino ad oggi nascosto e chi invece, si è chiuso nella propria zona di comfort.

Per una serie di motivi dovuti agli studi, alle statistiche che mettono in evidenza alcuni dati importanti sullo stile di vita delle persone, il Governo ha deciso di firmare il bonus psicologo.

Bonus psicologo, Codacons VS Ministro

Il Bonus psicologico, secondo Codacons presenta delle criticità evidenti a chiunque si sia interessato all’aiuto.  Su IMG press viene riportata la spiegazione data dall’associazione che afferma: “Prima di tutto i fondi messi a disposizione appaiono del tutto insufficienti: solo 10 milioni di euro saranno destinati in modo diretto ai cittadini in difficoltà attraverso un voucher da spendere in servizi di assistenza. – ha spiegato – In secondo luogo il tetto Isee fino a 50mila euro per poter godere del bonus appare troppo elevato, e inserirà nella platea dei beneficiari anche soggetti che possono sostenere in modo autonomo le spese psicologiche”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Bonus 200 euro: non conta solo il reddito, l’altra condizione da conoscere

Ha poi aggiunto: “Così solo 16mila fortunati riusciranno a godere del Bonus psicologico, e una ampia fetta di cittadini che con il Covid hanno sviluppato forme di disagio mentale sarà tagliata fuori dal provvedimento. Senza contare i possibili rincari delle tariffe da parte degli psicologi, così come avvenuto per altre categorie di beni e servizi interessati dagli incentivi varati dal Governo negli ultimi due anni”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Modello 730 disponibile online: ma qualcuno è esonerato

Bonus psicologo, di cosa si tratta

Per capire meglio le parole dell’associazione, analizziamo nel dettagli il bonus. Il contributo messo a disposizione dallo Stato può essere riconosciuto una sola volta e soltanto da chi ha un reddito ISEE non superiore a 50 000 euro.

Nello specifico:

  • con ISEE inferiore a 15.000 il beneficio è fino a 50 euro per ogni seduta, per un importo massimo di 600 euro per ogni beneficiario;
  • con ISEE compreso tra 15.000 e 30.000 euro il beneficio è fino a 50 euro per ogni seduta, per un importo massimo di 400 euro per ogni beneficiario
  • con ISEE superiore a 30.000 e non superiore a 50.000 euro il beneficio è fino a 50 euro per ogni seduta, per un importo massimo di 200 euro per ogni beneficiario.

Le modalità di accesso e il tempo a disposizione per inviare la domanda saranno pubblicate nella Gazzetta Ufficiale non appena verrà pubblico il decreto, ad ogni modo la richiesta dovrà essere inviata accedendo alla piattaforma INPS o tramite contact center INPS.