Bonus Renzi non pagato, è possibile recuperarlo: come fare

Bonus Renzi, se non si è percepito nel 2021 sarà possibile ottenerlo nell’anno in corso e c’è un solo modo per farlo

Bonus Renzi
Foto Pixabay

Se nel 2021 non si è goduto del cosiddetto Bonus Renzi (di 100 o 80 euro) che con la Legge di Bilancio del 2020 è stato trasformato come trattamento integrativo, c’è un modo quest’anno per ottenerlo tramite la Dichiarazione dei Redditi. Per farla c’è tempo fino al 30 settembre 2022 ma sono tanti i contribuenti che già stanno provvedendo a presentare la documentazione necessaria.

Vari sono i  lavoratori che hanno scelto di rinunciare al bonus di 100 euro (previsto anche per chi guadagna più di 28mila euro, ma ridotto) poiché temevano che superando il reddito previsto avrebbero poi dovuto restituire tutto.

Per tale motivo, evitando ogni pericolo, hanno preferito attendere la Dichiarazione di quest’anno per ricevere tramite il Modello 730/2022 la cifra non percepita.

Ci sono poi altri lavoratori dove il datore non opera come sostituto d’imposta (come i collaboratori domestici) e dunque il trattamento integrativo spetta ma non viene pagato in busta paga, perché non lo prevede la funzione specifica di quel tipo di datore.

Bonus Renzi tramite la Dichiarazione dei Redditi

Nei fatti la Dichiarazione dei Redditi è l’unico modo che ha il contribuente per effettivamente le imposte dovute ed è quindi il solo modo per recuperare quanto dovuto. Allo stesso modo può anche calcolare i bonus e le detrazioni fiscali spettanti. Nel modello 730 entra dunque anche il recupero del bonus Irpef il l’anno precedente il datore di lavoro non ha erogato.

Ricordiamo che chi guadagna più di 28mila euro all’anno, il bonus spettante è pari a 80 euro e va man man a diminuire, fino ad azzerarsi, ai 40mila euro. Non hanno diritto gli incapienti, cioè i contribuenti con redditi esenti Irpef perché non superano gli 8.174 euro.

Ma come fare materialmente nelle Dichiarazione per ottenere i soldi? Lo spazio dedicato del modello è la sezione V del quadro C del modello 730/2022 dove bisognrà riportare i dati della Certificazione Unica. Il massimo che si può recuperare è 1.200 euro per il 2021.

Nello specifico spazio è possibile calcolare l’ammontare del trattamento integrativo o dell’ulteriore detrazione considerando tutti i redditi dichiarati.