Nuovo bonus per le famiglie con figli dai 5 a 18 anni

Bonus alle famiglie: cosa prevede la Legge di Bilancio di quest’anno che dà massimo 1000 euro per chi ha i requisiti

figlio famiglia
(foto Canva)

Sono sempre di più le famiglie che hanno bisogno di aiuti economici. Anche chi non ha mai usufruito di assegni o bonus del governo, con l’inflazione il potere d’acquisto si è ridotto moltissimo.

A ciò si aggiunge la disoccupazione, la precarietà, gli stipendi bassi con contratti non rispettati da parte dei datori di lavoro. Per chi ha figli a carico dal settimo mese di gravidanza ai 21 anni di età, da quest’anno c’è l’Assegno unico e universale, la misura che va ad incorporare molte altre già esistenti.

Da marzo a maggio sono stati erogati oltre 3 miliardi di euro. Chi farà domanda entro il 30 giugno 2022, ci sarà la possibilità di usufruire anche degli arretrati dei primi quattro mesi.

A luglio lavoratori dipendenti e pensionati che hanno un reddito annuo massimo di 35mila euro, così come chi percepisce l’assegno di disoccupazione e il Reddito di Cittadinanza, riceveranno il nuovo bonus, una tantum da 200 euro.

Siamo in pieno periodo di Dichiarazione dei redditi e bisogna fare attenzioni ad alcune voci perché lo Stato viene incontro ai cittadini che hanno affrontato alcune spese, rimborsando in parte.

Bonus alle famiglie, incentivo alla cultura musicale

bonus
Pixabay

Per chi ha figli a carico dai 5 ai 18 anni di età, è prevista la detrazione del 19% fino a un massimo di 1.000 euro come Dichiarazione Irpef per i giovani iscritti a corsi di musica riconosciuti e conservatori, quindi scuole di musica, istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica (Afam), cori e bande.

È dunque importate conservare tutta la documentazione delle spese, dall’iscrizione alle rette mensili. Da questo punto di vista non dovrebbero esserci problemi perché enti di questo tipo rilasciano sempre regolare fattura o comunque si pagata tutto con bonifico.

Trattandosi quindi di una detrazione ottenibile tramite Dichiarazione dei redditi, non bisogna presentare nessuna domanda. Attenzione però perché la misura non riguarda tutte le famiglie italiane. Per poter accedere al beneficio tramite la Dichiarazione dei Redditi, c’è un limite Isee.

La famiglia che vuole ottenere la detrazione, infatti, deve avere un Indicatore della Situazione Economico Equivalente che non superi i 35mila euro all’anno.